Messina, litiga con i vicini e minaccia di ucciderli: arrestata 43enne

MESSINA. Pomeriggio movimentato per i poliziotti delle Volanti, intervenuti nella zona centro-nord di Messina, dove una donna di 43 anni minacciava di sparare con una i vicini di casa dopo una discussione nata per futili motivi. Gli agenti hanno arrestato in flagranza di D. D., perché ritenuta responsabile dei reati di porto in luogo pubblico di arma comune da sparo e resistenza a Pubblico Ufficiale aggravata. La donna è stata inoltre denunciata in stato di libertà per minacce gravi rivolte, avvalendosi di un’arma, nei confronti dei vicini di casa. Pistola Polizia Sicilians

Era stata la 43enne a contattare la

sala operativa della Questura, riferendo di avere una e che se non fosse giunto qualcuno avrebbe ammazzato i vicini di casa. Sul posto, all’interno di un cortile condominiale, è stata individuata la donna che, brandendo l’arma in evidente stato confusionale, minacciava prima i poliziotti intervenuti e i vicini di casa e poi, puntandola alla testa, di spararsi.

Dopo quasi due ore di trattative il personale della Polizia di Stato è riuscito a farla desistere dai propri intenti e a farle consegnare  quindi consegnato la pistola, una Beretta calibro 7,65, il caricatore e 9 cartucce dello stesso calibro regolarmente detenuti dal padre dell’arrestata. Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

Su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica di turno che ha coordinato l’attività, D. D. è stata condotta nel carcere di Messina Gazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.