Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. L’AMAM smentisce Accorinti: niente acqua prima di domani mattina

Emergenza acquaSecca smentita dell’AMAM alle previsioni ottimistiche del sindaco Accorinti, che incautamente aveva annunciato dalla propria pagina facebook che “Dalle ore 9 di stamattina cominceranno le operazioni di immissione dell’acqua nella condotta di Calatabiano. In tarda mattina dovrebbe arrivare la prima acqua nelle case dei messinesi”.

Invece, dagli uffici di viale Giostra fanno sapere che le operazioni di immissione sono iniziate poco dopo le 10, per arrivare a Messina l’acqua impiegherà non meno di 3 ore e inizierà a scorrere nelle case dei messinesi non prima di domani mattina.  Quello iniziato alle 10 è infatti un test per verificare la tenuta dell’impianto dopo l’intervento della notte scorsa.

Verso le 13 l’acqua arriverà nel serbatoio madre di Montesanto. Se non ci saranno altri intoppi, solo dopo le verifiche, i controlli su eventuali residui e la sanitizzazione sarà dirottata verso gli altri serbatoi dell’AMAM e da questi nella rete cittadina. Se tutto va bene, se ne parla domani mattina. 

Così, mentre il sindaco Accorinti, spensierato come un quindicenne in libera uscita, se n’è andato a Torino per una irrinunciabile riunione dell’ANCI, i messinesi devono inghiottire la delusione dopo la speranza suscitata dagli annunci radio-televisivi a livello nazionale del primo cittadino di avere l’acqua per l’ora di pranzo.

E alla luce di quanto ha denunciato ieri sera la Prefettura rispetto al comportamento dell’amministrazione comunale durante questa emergenza, della bufala del Pronto Soccorso Sociale e della secca smentita dell’AMAM, viene spontaneo chiedersi da chi attingano informazioni nelle stanze alte di Palazzo Zanca. 

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.