#Messina. Inaugurato lo Sportello dei diritti degli animali. A rischio i cani dell’ex macello

L'inaugurazione dello Sportello dei diritti degli animali
L' dello Sportello dei diritti degli animali

Inaugurato stamane lo Sportello dei diritti degli animali a Palazzo Weigert in via Argentieri. “Questa iniziativa – ha evidenziato l'assessore all'Ambiente Daniele Ialacqua – tende a realizzare un efficace controllo del territorio attraverso l'elaborazione di programmi e strategie finalizzati alla riduzione del randagismo e al benessere animale per una migliore convivenza tra uomo ed animale”.

La buona fede di Ialacqua è sicuramente fuori discussione, ma mentre lui pronunciava queste parole i cani che vivono nell'ex macello di via Santa Cecilia, accuditi solo da volontari, in alcuni punti del ricovero avevano l'acqua che quasi arrivava loro al petto.

Una situazione che si è creata ieri pomeriggio, al punto che ieri sera il presidente del IV Quartiere Francesco Palano Quero ha inviato una nota al Comando della , all'assessore Ialacqua e alla segreteria del sindaco Renato Accorinti.

La richiesta di quanti amano i cani, anche quelli che nessuno vuole, è che lo Sportello dei diritti degli animali, al quale hanno aderito le associazioni Un gatto per amico, Lega Nazionale per la Difesa del cane, E.P.S. Sicilia, Soccorriamoli, Rangers d'Italia e Falchi d'Italia con le rispettive guardie zoofile e venatorie, si prenda cura anche delle creature che sopravvivono alla meno peggio in via Santa Cecilia. 

Il rifugio nell'ex macello di via Santa Cecilia
Il rifugio nell'ex macello di via Santa Cecilia

In prima battuta lo Sportello sarà aperto solo per alcune ore e in via sperimentale e sarà pienamente operativo solo dall'anno prossimo. “Oltre all'accesso all'anagrafe canina, prevista per legge -fanno sapere da Palazzo Zanca- lo sportello offrirà i servizi di raccolta normativa giuridica e tematica, di informazione, consulenza e sensibilizzazione alla cittadinanza sui temi legati al benessere animale, pubblicazioni, raccolta delle istanze presentate dai cittadini e dalle associazioni presenti sul territorio interessate alla tutela degli animali, il censimento delle colonie feline e gli interventi di cura e sterilizzazione.

Canile via Don Blasco 14-11-2014 c

E ancora: osservatorio del fenomeno dell'abbandono degli animali anche attraverso l'elaborazione di dati relativi alle denunce dei cittadini, predisposizione ed elaborazione dei progetti di tutela e salvaguardia e di modulistica che definisca i procedimenti comuni per la loro tutela, il coordinamento delle attività delle associazioni animaliste presenti sul territorio, la divulgazione alla cittadinanza e ai possessori di animali di informazioni e disposizioni amministrative riguardo le corrette norme di disciplina e cura degli stessi.

Infine, l'incentivazione all'adozione dei cani presenti nel canile convenzionato con il Comune di Messina, la tenuta e l'aggiornamento dell'anagrafe canina e i controlli e gli interventi sul territorio in relazione al benessere animale in collaborazione con la Polizia locale e coordinamento Nucleo Guardie Zoofile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *