Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Messina, i tifosi ancora ci credono: #TiSeguoSempre.Basta delusioni

SquadraEnnesima settimana di delusioni quella vissuta a Messina sotto l’aspetto calcistico. I giallorossi, reduci da sei sconfitte consecutive, sono chiamati a un altro riscatto, forse l’ultimo possibile, contro un Cosenza in ottima forma.

Il Messina, terzultimo in classifica, ha lo spettro della retrocessione diretta davanti agli occhi, con la Reggina staccata di soli tre punti, ultima in graduatoria.

Il Melfi, ultima squadra a salvarsi direttamente, è staccata di ben sette punti, otto considerando lo svantaggio dei peloritani nel doppio scontro diretto.

Sarà importante quindi giocare senza fare troppi calcoli. I peloritani devono puntare al massimo per poter evitare quantomeno l’ultimo posto e mettersi in testa che arrivare ai play out non deve essere un motivo di sconforto.

Il Messina, come ben noto, non vince dalla terza giornata di ritorno contro la Reggina, dopodiché un pareggio e ben sette sconfitte, che hanno distrutto il morale dei tifosi.

L’avvicendamento di Gianluca Grassadonia con Nello Di Costanzo è l’ultima carta disponibile per potersi salvare e domani, contro il Cosenza, forse potremo vedere i primi frutti del lavoro svolto in questi dieci giorni dal nuovo tecnico.

Il Cosenza nelle ultime cinque partite ha raccolto undici punti, frutto di tre vittorie e due pareggi. Arriva in riva allo Stretto forte dell’undicesima posizione in classifica, che permette ai lupi di essere relativamente tranquilli visti i dieci punti di vantaggio sul Savoia, prima squadra a fare i play out.

I calabresi non vincono a Messina da 66 anni, quando nel 1949 si imposero per 4-2. In trentadue incontri giocati in riva allo Stretto, il Messina ha perso soltanto in quella occasione, vincendo per ventidue volte e pareggiando le restanti nove.

Nel passato recente, il Messina ha regalato ai propri tifosi bellissime vittorie contro i cosentini. In Serie B ricordiamo la tripletta di Godeas, che riesce a ribaltare l’iniziale vantaggio calabrese di Mendil, avvenuto a inizio ripresa. Siamo nella stagione 2001-2002.

L’anno successivo è memorabile il gol spettacolare di Carmine Coppola sotto la curva nord, che regalò agli uomini di Bolchi una vittoria importantissima in chiave salvezza.

Messina e Cosenza Calcio da quel momento non si sono più affrontate. Negli ultimi anni, dopo svariati fallimenti, la squadra riparte con la Nuova Cosenza, che giunge a Messina per la prima volta nel campionato dilettantistico 2011-2012. A decidere quel match fu il centrale Giuseppe Occhipinti, autore di una doppietta.

Gli ultimi due precedenti raccontano di due 0-0. Calcio d’inizio domani alle 14.30.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.