Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Gli ex Ferrotel bloccano lo Stretto, Pizzo non rispetta gli impegni

Foto Paolo Furrer

Quattro appuntamenti rinviati uno dopo l’altro, l’ultimo a data da destinarsi. Tanto è bastato agli ex Ferrotel di Messina, che questa mattina hanno occupato i binari della Stazione Centrale per protestare contro l’assessore ai Trasporti Giovanni Pizzo.

Che non rispettando gli accordi presi non solo con sindacato e lavoratori ma anche con la Prefettura, ha rinviato per ben quattro volte la convocazione a Palermo.

Così stamane intorno alle 10 i 20 ex Ferrotel, da marzo 2014 privi di qualsiasi sostegno economico, hanno bloccato l’Intercity diretto a Roma.

“La disperazione di questi lavoratori porta a proteste estreme -dichiara Mariano Massaro, segretario generale Orsa Sicilia. Non a caso hanno bloccato proprio uno di quei treni che il Gruppo Ferrovie dello Stato sopprimerà dal prossimo giugno”.

Dopo l’intervento della Prefettura di Messina alcune settimane fa, l’assessore Pizzo, che essendo di Messina dovrebbe ben conoscere questa problematica, si era impegnato a convocare un incontro a Palermo per individuare una soluzione per gli ex Ferrotel. Incontro che però non c’è mai stato. Al quarto rinvio, e questa volta senza neanche una data alla quale fare riferimento, i lavoratori hanno deciso di bloccare i binari e minacciano di non muoversi fino a quando Pizzo non li convocherà.

Aggiornamento delle 12.49

Tolto il blocco ai binari. L’assessore Pizzo ha convocato lavoratori e sindacato giovedì 12 febbraio.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.