Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Esenzione e riduzione TARI, il CAF Cisl ci mette una pezza

TARIPrima l’annuncio trionfante sulle riduzioni o esenzioni approvate dalla Giunta e dal Consiglio comunale per la TARI, poi la marcia indietro e la sospensione della presentazione delle istanze da parte dei messinesi meno abbienti perché l’INPS non ha ancora firmato la convezione con i CAF per il rilascio dell’ISEE.

Il Dipartimento Politiche sociali del Comune di Messina non sa che pesci pigliare (l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente è indispensabile per avviare le procedure di riduzione o esenzione) e dichiara che “a seguito di interlocuzioni con i centri di assistenza fiscale è emerso che il nuovo sistema di certificazione del reddito, utile per la fruizione di benefici sociali, non è pienamente operativo”. Per evitare disagi all’utenza quindi, per il momento stop alle domande degli utenti.

A tranquillizzare gli animi ci pensa il CAF Cisl di Messina. “In riferimento alla nota del Comune di Messina sulla sospensione delle procedure di presentazione delle domande di esenzione o riduzione della TARI -fanno sapere dal sindacato- il CAF Cisl di Messina,pur nelle difficoltà normative derivanti dal ritardo della sottoscrizione della convenzione con l’INPS, comunica che nelle proprie sedi dell’intera provincia il nuovo attestato ISEE necessario per la presentazione della domanda è regolarmente rilasciato”.

Per sapere quale documentazione presentare per l’ISEE 2015 è possibile rivolgersi presso la sede più vicina del CAF Cisl. A Messina è presso il Centro Servizi Cisl di viale Europa 58, angolo viale San Martino.

Secondo i criteri disposti dall’amministrazione comunale, hanno diritto all’esenzione o alla riduzione della Tassa sui Rifiuti i contribuenti con un reddito ISEE del nucleo familiare riferito al 2013 fino a 7 mila euro. Si stilerà una graduatoria in ordine crescente di ISEE e a parità di reddito tra le diverse fasce si terrà conto del carico familiare, dando la precedenza al nucleo familiare con il capo famiglia più anziano.

I primi 1500 contribuenti della graduatoria godranno dell’esenzione totale del tributo. Dal 1.501 al 2.500, saranno esentati dal pagamento di 3 rate del tributo e dal 2.501 fino a esaurimento della somma messa a disposizione dell’amministrazione o della graduatoria saranno esentati dal pagamento di 2 rate.

Oltre alla certificazione ISEE all’istanza si dovrà allegare e la copia del codice fiscale. Esentati anche i contribuenti ultrasettantenni unici componenti il nucleo familiare con invalidità del 100% e con un ISEE fino a 11 mila euro e anche in questo caso si creerà una graduatoria. Previste agevolazioni anche per enti o associazioni onlus che assistono e sostengono soggetti svantaggiati come mense dei poveri, convitto o semiconvitto per minori svantaggiati, accoglienza e alloggio di persone indigenti, contrasto ad alcolismo, tossicodipendenza e simili.

 

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.