Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Messina, De Luca sulla fase 2: “DPCM Conte è sbagliato, misure diverse per Nord e Sud”

MESSINA. La ricetta del Governo centrale per la gestione dell’emergenza coronavirus non convince il sindaco Cateno De Luca. In merito al DPCM del 26 aprile scorso presentato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, De Luca esprime le proprie opinioni sulle disposizioni che entreranno in vigore a partire dal prossimo 4 maggio. Opinioni che, secondo il primo cittadino, hanno suscitato nell’opinione pubblica più perplessità che certezze. “Il nuovo provvedimento governativo ha fatto scalpore perché è figlio del vorrei ma non posso, grazie a una decisione non presa. Proprio in relazione a questo noi del Comune di Messina abbiamo invece deciso di decidere, perché non è pensabile continuare così, senza coraggio e senza tenere conto delle necessità oggettive riguardo agli elementi che consentono un’apertura seppure in libertà vigilata. A Conte dico che non ci stiamo. Non accetto il DPCM entrato in vigore con queste scadenze scriteriate. Certo non basta dire non sono d’accordo. Bisogna anche motivare il perché. Cosa farei io se fossi nei panni del presidente Giuseppe Conte alla luce di quello che si è verificato in Italia? Parto dalle precondizioni per ripartire, ovvero prendere atto della diffusione epidemiologica su tutto il territorio nazionale, il 70% è concentrato su quattro regioni del Nord. C’è una chiara distinzione territoriale che deve essere presa in considerazione.

Quindi, alla luce di ciò, occorrono norme restrittive al centro-nord, in particolare Lombardia e Piemonte, e più flessibili per le regioni del Sud in cui il contagio è sotto la media nazionale, stabilendo comunque il criterio di libertà vigilata”. Il sindaco di Messina propone anche di dare mandato a ogni Regione e Comune di definire il dettaglio amministrativo delle norme generali, stabilendo a monte i principi dispositivi, fermo restando che le macro aree sono definite. “Altro punto che toccherei – continua De Luca – è la data di ripartenza. Darei una data certa agli italiani, affinché tutte le attività commerciali seguano dei protocolli di adeguamenti strutturali propedeutici alla riapertura. Andiamo nel dettaglio.

Per le zone del centro-nord c’è da fare un chiarimento. Lì il sistema imprenditoriale ha continuato a lavorare in deroga, al contrario del Meridione in cui tutte le attività principali si sono fermate. Il Meridione e la Sicilia, fatti di piccole e medie imprese, hanno chiuso perché non avevano la possibilità di lavorare in deroga. Ecco perché parlo di chiarezza nello stabilire le condizioni: questo è mancato nel nuovo DPCM. Se infatti fossi io il presidente del Consiglio autorizzerei i sindaci a fare accordi con i commercianti affinché non solo sia dato gratuitamente il suolo pubblico, ma consentirei anche l’istallazione di bagni chimici uomo-donna in modo tale che si possano garantire le condizioni igienico-sanitarie, in deroga alle norme previste dai regolamenti. Darei quindi questo potere ai sindaci, non per 15 giorni ma per un arco temporale ben preciso e più dilatato: sino al 31 ottobre”.

Per quanto riguarda poi i tributi locali, il sindaco di Messina aggiunge: “Io farei una norma per i Comuni, cioè per tutti quelli che hanno la possibilità di sostenere le riduzioni o meglio le esenzioni di tutti i tributi locali lo possono fare anche subito. Cosa che adesso non può essere fatto perché manca una norma dispositiva che ci svincoli dalla possibile contestazione di danno erariale. Farei un bel decreto

legge che va in deroga a tutta una serie di norme, comprese quelle per gli Enti locali, che quindi agevoli l’iter burocratico e tributario. Altra cosa che farei per tutto il Meridione sarebbe aprire tutto, a condizione che sia istituito un database nel quale inserire tutti i dati delle attività economiche, introducendo anche con il sistema delle prenotazioni.

In base ai limiti che ogni attività dispone, si potrà stabilire quante persone possono prenotare contemporaneamente pur garantendo le distanze di sicurezza. Chiunque vuole riaprire la propria attività può farlo a queste condizioni. Gli esercenti che trasgrediscono, correranno il rischio di sospensione dell’attività. Quindi le prenotazioni diventano una precauzione imprescindibile per la ripartenza. Le mascherine devono essere obbligatorie, specie nel momento in cui si entra in luoghi chiusi. Per tale motivo, imporrei dei distributori automatici all’interno delle attività commerciali, che permettano il rilascio di mascherine al costo di 50 centesimi, nella considerazione che è stata abbattuta l’IVA. Così come permetterei l’introduzione obbligatoria del dispenser in ogni locale commerciale, per permettere la sanificazione delle mani.

Certo, occorre il tempo per organizzarsi, ma avremmo il tempo per ripartire tutti: bar, pasticcerie, ristoranti, centri bellezza, barbieri, abbigliamento, cimiteri, chiese. Il principio è quello delle entrate contingentate, con orari prestabiliti e proporzionate alle superfici dei locali, per evitare assembramenti ingiustificati. Qualora per la prenotazione non ci sia posto, il richiedente avrà la priorità per la volta successiva. Dunque protocolli specifici che comunque garantiscano le aperture, avendo chiaro in mente che per un periodo preciso queste saranno le precondizioni per continuare a lavorare, ma almeno si avvia la macchina economica attualmente ingolfata”.

De Luca dichiara di stare avanzando tali proposte a causa di quelle che per lui sono omissioni da parte del presidente della Regione Nello Musumeci, che “non riesce a imporre i nostri diritti a Roma. Al contrario di altri suoi omologhi, vedi quello della Regione Liguria, che con proprie ordinanze hanno aperto mercati, cimiteri, noi siamo in una sorta di limbo che sta uccidendo la nostra economia. Altri, come quello della Sardegna, hanno utilizzato l’idea della nostra banca dati grazie alla quale chi vuole entrare si deve prenotare 48 ore prima. Magari il presidente Musumeci di me non si vuole occupare, ma almeno si occupi di cose serie per tutelare l’economia siciliana. Già da domani dunque porterò avanti il lavoro che non è stato fatto né dal presidente Conte né dal presidente Musumeci con un’ordinanza sotto il profilo dell’ordine pubblico. Per condividerla invierò copia al prefetto, in modo da scongiurare che scoppi la rivoluzione in tutto il Meridione, perché essere trattati così, come carne da porco non è giusto. Non sono disponibile a essere trattato così né da Conte né da Musumeci. Se serve sono pronto anche a rischiare di essere dichiarato decaduto dalla carica di sindaco, ma comunque, visto che non lo fa Musumeci, chiederò a Conte di rimangiarsi la porcheria che ha servito agli italiani il 26 aprile, non differenziando le misure per le varie regioni, in relazione soprattutto a quelle del Meridione. Questa guerra non è finita. Se ci rilassiamo il virus ci ammazza. Con il buon senso, saremo noi a prevalere”.

Cateno De Luca