Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Class action dell’Unione Nazionale Consumatori contro l’AMAM

acquaIl Comitato di Messina dell’Unione Nazionale Consumatori ha deciso di avviare una class action nei confronti dell’Amam Spa in relazione alla totale assenza di servizio idrico in gran parte delle zone della città servite dall’acquedotto Fiumefreddo.

“E’ evidente la grave e reiterata violazione dei diritti dei consumatori” ha dichiarato il presidente dell’UNC di Messina Mario Intilisano.

Questa vicenda è vergognosa! Chiederemo al giudice competente di accertare la grave condotta dell’Amam che, anche in ipotesi di emergenza, ossia la rottura della tubazione, non ha saputo garantire una razionalizzazione e distribuzione delle altre fonti di approvvigionamento, determinando la totale assenza del servizio idrico per oltre 5 giorni in gran parte della città, attività che non può ritenersi supplita dalla tardiva istituzione di due soli punti di distribuzione a mezzo autobotti”.

L’UNC di Messina chiederà anche la determinazione dei criteri per la quantificazione del danno in relazione ai consumi medi annuali di ogni famiglia interessata e al numero dei componenti la stessa, oltre che in relazione all’età, situazione di malattia, stato di handicap.

All’azione legale potranno partecipare tutti gli utenti consumatori del

servizio idrico della città la cui utenza è stata oggetto del disservizio sin dalla giornata di sabato 24 ottobre 2015 e che perdura a tutt’oggi.

Per aderire all’azione sarà necessario soddisfare i seguenti requisiti: essere titolare di utenza individuale Amam (ovvero condominiale), avere la propria utenza ubicata in zona ove la fornitura idrica è cessata, sottoscrivere lo specifico modulo di adesione presso la sede dell’Associazione in Messina in via San Filippo Bianchi 48 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 11.30 e lunedì e mercoledì pomeriggio dalle 16 alle 18.30) e rivestire la qualifica di consumatori (ossia non avere l’utenza destinata ad attività commerciali o professionali);

L’adesione sarebbe riservata ai soli soci UNC, ma stante l’eccezionalità del momento per iscriversi all’associazione basterà versare l’importo simbolico di 5 euro a titolo di rimborso spese.

Si aggiunge che i non consumatori (professionisti, aziende, esercenti commerciali) che hanno subito un danno non potranno aderire alla class action ma potranno agire individualmente, anche con l’assistenza del Comitato di Messina dell’Unione Nazionale Consumatori,  per il risarcimento del danno subito.

E’ possibile avere ulteriori informazioni sulla class action attraverso i social media twitter (@consumatori_me), facebook (Consumatori Messina) e sul sito internet dell’UNC di Messina (www.consumatori.messina.it), oppure tramite l’email appositamente attivata amamclassaction@consumatori.messina.it.