#Messina. Avvocati under 45 a confronto, l’AIGA va al voto spaccata

Tribunale giustiziaIl conto alla rovescia è iniziato. Per la prima volta dopo oltre 40 anni a Messina l’AIGA, l’Associazione Giovani Avvocati Italiani, va al voto spaccata. 

Archiviata l’elezione per acclamazione, il concetto di democrazia ne guadagnerà sicuramente, ma resta il fatto che le due liste che si fronteggeranno (guidate da Pier Paolo Gemelli e Nino De Francesco) lo faranno senza esclusione di colpi, almeno da quanto suggeriscono i rumors di Palazzo Piacentini.

Si vota per il rinnovo di presidente, Consiglio Direttivo di Sezione, Consiglieri Nazionali, Consulta dei praticanti e Responsabile dello Sportello dei praticanti per il biennio 2015-2017.

Accanto a De Francesco, sostenuto dalla presidente uscente Simona Giuffrida (della quale è stato vicepresidente), nella corsa al Consiglio Direttivo ci sono Pio Benecchi, Enza Bontempo, Francesco Falzea, Carlo

Gullo, Giuseppe Irrera, Tatiana Liuzzo, Giuseppe Magaudda, Ernesto Marcianò, Nazareno Pergolizzi, Anna Smedile, Alessandro Trovato e Caterina Veneziani.

La squadra di Gemelli, organizzatissima e con tanto di pagina facebook sulla quale reperire tutti i nomi e i dettagli sull’elezione, presenta per il Consiglio Direttivo di Sezione Antonino Amata, Michele Brancato, Melita Cafarelli, Michele Cordopatri, Giuseppe D’Amico, Gabriele Maria Lo Prete, Rosa Natoli, Mario Passalacqua, Mario Antonio Schepici e Antonio Tesoro.

Candidati Supplenti al Consiglio Direttivo di Sezione Fabio Orecchio, Silvana Paratore ed Enrico Scisca. Candidati a Consiglieri Nazionali Ferdinando Croce, Filippo Di Blasi, Elisa Donnici e Bianca Santoro. Candidato a Responsabile dello Sportello del Praticante Maria Cinzia Panebianco.

Infine, candidati a Componenti la Consulta dei Praticanti Gaetano Bartucciotto, Andrea Cannavò, Claudio Cento, Stefania Ciccone, Marco Gemelli, Maria Fernanda Gervasi, Michele Giorgio, Salvatore Sirio Lombardo, Oriana Oteri, Eleonora Pantò e Fabrizio Venuti.

Appuntamento giovedì 30 luglio nell’Aula Magna di Corte d’Appello, dove dalle 9.30 alle 17 si potrà votare. Poi lo scrutinio e in un paio d’ore, salvo imprevisti, la proclamazione del Direttivo che guiderà l’AIGA di Messina nel prossimo biennio.

Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *