Messina, annullo filatelico speciale per don Giovanni D’Austria e la battaglia di Lepanto

MESSINA. Concesso da Poste Italiane l’annullo speciale figurato richiesto dal Circolo Filatelico Peloritano per ricordare le gesta di don Giovanni D’Austria. L’immagine è stata pubblicata martedì 19 ottobre sul bollettino ufficiale e il timbro sarà fruibile a Messina il 12 novembre. Il bollo, bozzetto di Nino Principato, raffigura il busto del condottiero con la sua armatura, inserito in un tondo che riporta la doppia scritta: “450° Anniversario Battaglia di Lepanto 1571-2021” e “Don Giovanni D’Austria a Messina”. Un soggetto, questo, che risulterà molto utile in particolare ai collezionisti tematici per creare pezzi importanti da inserire nelle loro prestigiose raccolte storiche, anche in virtù del possibile abbinamento con il francobollo commemorativo emesso il 18 giugno 2021 (A Zona 1, pari a 3.50 euro): la sua tiratura è stata di 350.000 esemplari in fogli

da 45 ciascuno stampati in rotocalcografia dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (bozzetto a cura di Ernando Venanzi). Il rettangolo dentellato è utilizzato per la Postapriority internazionale (massimo 50 grammi verso Europa o Paesi del Mediterraneo). “Lo scontro navale di Lepanto -spiega Cesare Giorgianni, vicepresidente del Circolo Filatelico Peloritanoavvenne il 7 ottobre 1571 tra le flotte musulmane dell’Impero Ottomano e quelle cristiane federate sotto le insegne pontificie. Quella cristiana, radunatasi a Messina il 16 settembre 1571, era composta da 250 galee. Sotto il comando di don Giovanni d’Austria, la Lega Santa ebbe la sua prima storica e clamorosa vittoria. E numerosi furono i messinesi imbarcati su quelle navi. A ricordare questa grande pagina di storia, a Messina, è proprio la statua bronzea di don Giovanni D’Austria a piazza Catalani, opera del 1573 di Andrea Calamech”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *