#Messina. A Torre Faro musica e danza per superare le barriere

IMG_1037 foto di gruppoIeri sera a Torre Faro la piazza dell’Angelo era gremita di gente per assistere allo spettacolo Danza e Musica oltre le barriere, ideato dallo scrittore non vedente Andrea La Fauci.

L’evento inserito nell’ambito dei festeggiamenti in onore della Madonna della Lettera, Patrona del Villaggio, è stato presentato da Silvana Paratore, impegnato da anni nel sociale, che dopo aver illustrato le antiche tradizioni popolari e religiose, ha parlato a lungo di inclusione sociale dei diversamente abili.

100_2697 JOSE' ORTEGA, ANDREA LA FAUCI, SILVANA   PARATORE
Josè Ortega, Andrea La Fauci, Silvana Paratore

Dopo i saluti di Andrea La Fauci che ha ricordato la nonna materna Rosa Angela Cutugno a cui ha dedicato lo spettacolo. Poi, sono intervenuti Monsignor Mario

Aiello, Andrea Risitano e il Comitato Parrocchiale Torre Faro 2015, promotori dei festeggiamenti. In rappresentanza dell’associazione Walking Together è intervenuta Maria Romana De Domenico che ha portato la testimonianza dell’impegno dell’Associazione nei paesi del Sud dell’Africa a favore dei bimbini orfani e sieropositivi.

Numerosi gli artisti disabili e non che hanno partecipato, a titolo gratuito, allo spettacolo. 100_2707 SILVANA PARATORE E LA STATUA VITTORIA ALATADurante la serata sono saliti così sul palco Martina Valveri, Josè Ortega, Mimmo Ambriano, i ragazzi dell’associazione Sostegno presieduta da Mimmo Italiano, Piero Lucca, Silvia Scotto, Samuel Patti, Roberta Macrì e Alessandro Coco, Annalisa Di Stefano, la band di Orazio Visalli con Mimmo Cappello e Nino Maganza la scuola di danza Jdance di Jessica Sparacio con le sue allieve della baby dance, gli under 15 e 21 che hanno ballato sui brani musicali Signora mia e l’Estroversa scritti da Andrea La Fauci e musicati da Umberto Buonasera e  Luigi Santoro.
Nel corso della serata, inoltre, sono stati anche premiati i giovani che hanno realizzato in occasione della festa di San Giovanni, la Bamparizza, antica tradizione tra Sicilia e Calabria.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *