Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Mercato Vascone, il degrado è sovrano

L'esterno del mercato Vascone

Strutture fatiscenti, degrado e abbandono. Bastano queste parole per descrivere ciò che accade quotidianamente al mercato Vascone di via San Cosimo, dove a farla da padrone è l’anarchia. Aggirandosi per i box ci si può rendere conto di come questa struttura sia stata lasciata al suo destino invece di essere valorizzata e tenuta in buono stato non solo per i clienti, ma anche per gli operatori che sono costretti a lavorare in condizioni da quarto mondo.

Soprattutto in questi giorni di maltempo, che hanno causato non pochi problemi alla città, gli ambulanti hanno dovuto fare i conti con le infiltrazioni d’acqua nei box  che, oltre a costituire un pericolo costante rispetto a possibili crolli, hanno prodotto anche del percolato maleodorante.

Problema quest’ultimo, che dipende dalle operazioni quotidiane di spostamento dei cosiddetti “body di raccolta” da parte del personale di MessinAmbiente, collocati all’interno della struttura

per raccogliere i rifiuti prodotti durante la vendita. Il percolato, dunque, va a finire sull’asfalto e trasforma l’area circostante in un ricettacolo di sporcizia insopportabile anche per l’odore sgradevole.

“In questi giorni di pioggia non abbiamo potuto lavorare -afferma uno dei commercianti- e la perdita in termini economici è stata rilevante”. “L’amministrazione comunale dovrebbe interessarsi di più a questa struttura -gli fa eco un collega- anche perché noi lavoratori paghiamo il posto per il nostro box puntualmente”. “Anche le cabine elettriche non sono protette come dovrebbero -aggiunge un operatore- e con la pioggia c’è il rischio di un corto circuito”.

A sollevare questi problemi ormai cronici in tutti i mercati cittadini, questa volta è stato il consigliere comunale Salvatore Ticonosco. Dopo aver effettuato su richiesta degli stessi commercianti un sopralluogo, ha inviato una nota al sindaco Giuseppe Buzzanca, all’assessore comunale al Commercio Pinuccio Puglisi e al comandante dei vigili urbani Calogero Ferlisi, con la quale ha chiesto interventi rapidi per sistemare la struttura.