Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Medicina di Laboratorio, convegno al Papardo sul paziente ematologico

Il dottor Falliti, Direttore di Patologia Clinica al Papardo

Dopo il convegno “Sindromi trombotiche, epatopatie ed intolleranze alimentari: algoritmi e nuovi sistemi diagnostici” che si è svolto all’ospedale Papardo il 17 e 18 ottobre scorsi, durante l’appuntamento di oggi si è fatto il punto sul paziente ematologico.

A organizzare gli eventi, di rilevanza nazionale, il Direttore del Servizio di Patologia Clinica Giuseppe Falliti.

Obiettivo principale dei due convegni è soprattutto la continuità dei processi formativi aziendali, compreso un accurato approfondimento delle tematiche di notevole rilevanza clinica.

Ad aprire i lavori il commissario straordinario dell’Azienda Papardo-Piemonte Armando Caruso e il responsabile dell’Ufficio Formazione aziendale Ragonese.

“La Medicina di Laboratorio -spiega Falliti- necessita di una continua standardizzazione di linee guida, procedure, protocolli e algoritmi. Le malattie autoimmuni sono frequenti ed interessano il 5-7% della popolazione. Le “malattie autoimmuni organo-specifiche” sono malattie nelle quali la risposta immunitaria coinvolge un organo e le “malattie autoimmuni sistemiche” sono malattie nelle quali la

risposta immunitaria interessa vari tessuti e organi”.

Un momento del convegno della settimana scorsa

Il convegno di Autoimmunità era rivolto agli operatori del laboratorio (medici, biologi, tecnici, chimici) e si è articolato in tre sessioni: la classificazione delle malattie tromboemboliche e le piastrinopatie, la diagnosi di laboratorio nelle epatopatie autoimmuni, la fibrosi epatica come complicanza delle epatopatie e relative alternative diagnostiche e le intolleranze alimentari e le manifestazioni allergiche con manifestazioni cliniche a carico di apparato respiratorio e pelle.

“Il convegno sullo studio del sangue che si è svolto oggi invece -prosegue Falliti- è stato organizzato per fare il punto sulla diagnostica avanzata, in particolare quella inerente le malattie emoneoplastiche e le relative urgenze diagnostiche.

La diagnosi in ematologia oggi è più complessa rispetto al passato e si avvale di tecniche e innovazioni tecnologie diverse e differenziate che devono essere reciprocamente integrate nel percorso diagnostico. Obiettivo di questo convegno è stata quindi anche la descrizione di una sequenza diagnostica razionale ed efficiente a beneficio dei pazienti e dei clinici”.