Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Marijuana e cocaina nelle mutande: tre arresti a Barcellona PG

MESSINA. La notte scorsa i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto hanno arrestato in flagranza di reato, V. M. (19 anni) e due minorenni di 15 anni e 17 anni. Per tutti e tre l’accusa è di di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.
Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Sezione Radiomobile, guidati dal maresciallo maggiore Carmelo Mucella, nel transitare lungo le strade della località Arena Montecroci, zona isolata e periferica di Barcellona Pozzo di Gotto, nei pressi di un’area di sosta scarsamente illuminata hanno notato la presenza di una Toyota Yaris con a bordo tre giovani.

Alla vista dei militari i tre hanno dimostrato agitazione e un atteggiamento palesemente nervoso. I militari, una volta prossimi all’auto, hanno scorto un sacchetto di carta nascosto sotto il sedile anteriore lato passeggero.

Nel sacchetto hanno trovato diversi involucri in cellophane contenenti 139 grammi di marijuana, un involucro in plastica con all’interno 19 grammi di cocaina e un bilancino di precisione funzionante.
La perquisizione estesa sui due minorenni ha permesso di rinvenire altra droga. Uno dei due minorenni nascondeva nelle mutande un involucro in plastica di quelli contenuti negli ovetti Kinder con all’interno 2 grammi di cocaina. L’altro, invece, sempre nelle mutande, aveva occultato 4 grammi di marijuana, suddivisa in 4 dosi.

Complessivamente sono stati sequestrati 143 grammi di marijuana e 21 grammi di cocaina. Al termine delle formalità di rito, come disposto dal sostituto procuratore di turno presso la Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto Alessandro Liprino, la giovane V. M. è stata rimessa in libertà, mentre i due minorenni sono stati accompagnati nel centro di prima accoglienza di Messina, come disposto dal magistrato Annalisa Arena presso la Procura della Repubblica per i Minorenni di Messina.