Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Malmenato perché avrebbe guardato una ragazza, tre barcellonesi denunciati

MILAZZO – Sono stati individuati attraverso il monitoraggio dei social network e le testimonianze di alcuni presenti. I Carabinieri della Compagnia di Milazzo guidati dal capitano Andrea Ortolani hanno individuato tre giovani autori dell’aggressione avvenuta domenica scorsa nel centro  di Milazzo. Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, guidata dal Procuratore  Emanuele Crescenti, e dalla Procura per i Minori, guidata dal Procuratore  Andrea Pagano, hanno permesso di identificare un 18enne, un 17enne ed un 16enne, tutti deferiti in stato di libertà, poiché ritenuti responsabili del reato di lesioni personali.

L’attività investigativa ha avuto origine quando, all’una di notte tra domenica e lunedì, la Centrale Operativa della Compagnia di Milazzo

ha ricevuto alcune segnalazioni per un’aggressione in corso in via Francesco Crispi, centro della movida milazzese per i più giovani. I militari della Sezione Radiomobile della Compagnia di Milazzo, giunti sul posto, hanno notato e soccorso due giovani feriti, successivamente accompagnati presso il pronto soccorso dell’ospedale “Fogliani”, ed hanno raccolto le prime testimonianze.

I tre giovani denunciati, tutti originari di Barcellona Pozzo di Gotto, secondo la ricostruzione dei carabinieria, avrebbero aggredito, con calci e pugni altri due giovani per futili motivi. In particolare, i tre si sarebbero scagliati contro una delle vittime dopo avergli chiesto se avesse guardato una ragazza del proprio gruppo. Ricevuta risposta negativa, lo avrebbero colpito subito con un pugno, scagliandosi poi contro un suo amico, intervenuto per difenderlo.

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.