Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Lotta al bracconaggio, due denunce dei carabinieri di Milazzo

uccelli-bracconaggio-620x350Cattura di animali protetti, maltrattamento e ricettazione. Con queste accuse i carabinieri di Milazzo hanno denunciato un 34enne e un 57enne.

Durante un servizio di controllo del territorio i carabinieri hanno notato un’auto con due uomini a bordo che passava sulla strada ASI nel territorio del Comune di Torregrotta.

Fermata la vettura, durante il controllo sono state trovate nascoste sotto una coperta 3 gabbie con uccelli appartenenti alla specie protetta dei passeri e una busta con 2 reti del tipo utilizzato per catturarli.

La perquisizione nelle abitazioni dei due bracconieri, ha permesso ai carabinieri scoprire a casa a Villafranca Tirrena del 34enne 30 uccelli rinchiusi in gabbie, tutti appartenenti a specie protette. A casa dell’altro uomo, a Torregrotta, sono stati scoperti un centinaio di uccelli, anch’essi rinchiusi in gabbie. Anche in questo caso, tutti appartenenti a specie protette quali cardellini, verdoni, passeri e triganelli, oltre ad altre reti per la cattura.

Immediatamente informato il Centro di Recupero Fauna Selvatica dell’Azienda Forestale gestito dall’Associazione Mediterranea per la Natura di Messina e la responsabile Anna Giordano, che ha contribuito alla catalogazione dei volatili. I due uomini sono stati denunciati mentre tutti gli uccelli costretti nelle gabbie sono stati messi in libertà.