Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Lipari. Arrestato 46enne per tentata violenza sessuale

 

Posto blocco carabinieri notteIn manette un 46enne per tentata violenza sessuale. I militari della Stazione Carabinieri di Lipari hanno eseguito ieri un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto – Ufficio GIP su richiesta della Procura della Repubblica per il reato di tentata violenza sessuale a carico del 46enne, residente dell’isola. L’attività investigativa trae spunto da una denuncia querela presentata dalla vittima, a seguito della quale sono stati effettuati immediati accertamenti coordinanti dal Pubblico Ministero Sarah Caiazzo, titolare del fascicolo, che consentivano di riscontrare sia quanto denunciato, sia a raccogliere elementi utili per l’identificazione dell’aggressore.

Il tentativo di violenza risale al 22 giugno 2016, quando la donna che ha subito la tentata violenza e il suo aggressore erano in un locale del centro di Lipari in compagnia di altre persone. Nel corso della notte la vittima, ospite di un

camping lipariota, ha trovato l’uomo dentro la propria roulotte, che con il chiaro intento di consumare un rapporto sessuale e in stato di ebbrezza alcolica ha tentato di strapparle l’abito che indossava. Accortasi delle cattive intenzioni dell’uomo, la donna riusciva a divincolarsi e a chiedere aiuto. Le sue grida richiamavano l’attenzione dei vicini che accorrevano prestando i primi soccorsi e le cui dichiarazioni unitamente al referto medico di pronto soccorso hanno avuto ruolo importante nella ricostruzione dell’episodio.

I militari della Stazione di Lipari, subito accorsi sul luogo, hanno iniziato le fasi del sopralluogo con l’identificazione dei presenti e la raccolta dei primi elementi investigativi. L’attività d’indagine condotta nell’immediatezza dei fatti e coordinata dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto ha consentito di raccogliere in pochi giorni un quadro indiziario grave e tale da consentire l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari. Espletate le formalità di rito, l’arrestato è stato sottoposto agli arresti domiciliari nella propria abitazione.