Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#LegaPro. Pagelle Messina-Cosenza: Milinkovic decisivo, Anastasi uomo a tutto campo

Una vittoria che ha confuso i più quella del Messina sul Cosenza: all’inizio si è gioito per una salvezza raggiunta anche con gli eventuali quattro punti di penalizzazione, ma dopo alcuni minuti di festa, arriva la sentenza matematica che ancora non salva il Messina dagli eventuali play-out. Ma tralasciando questi calcoli, che lasciano il tempo che trovano (il Messina è chiamato a giocarsela a viso aperto anche a Vibo, con i tifosi peloritani già pronti a invadere la città calabrese), concentriamoci su quello che hanno fatto ieri gli uomini di Lucarelli: Milinkovic, croce e delizia di questo Messina è stato certamente il migliore in campo, con un gol e un assist decisivi per i tre punti finali. Da sottolineare le belle prove di Sanseverino e Anastasi, oltre a quelle di una difesa sempre presente. Bene anche Grifoni, insufficiente Berardi, tremendamente impreparato sul gol di Mendicino.

PAGELLE MESSINA

Berardi, 5.5 – Come anticipato, il portiere del Messina compie una sciocchezza, per fortuna ininfluente, sul gol del 2-1. Ok che il cross di D’Orazio era sgangherato, ma subire reti del genere non è gratificante per un portiere del suo livello. A parte questo, prestazione lineare.

Maccarrone, Bruno e De Vito, 6.5 – Il trio difensivo scelto da Lucarelli compie una buona partita, spazzando tutto quello che c’era da spazzare durante il forcing finale del Cosenza. A inizio campionato il Messina non avrebbe mai vinto una partita del genere, adesso il reparto arretrato è migliorato sensibilmente. Le vaccate settimanali sono solo un lontano ricordo.

Foto Elena Andronico

Grifoni, 7 – Partita di elevata qualità: ha tutta la fascia a disposizione e svolge entrambe le fasi in maniera impeccabile. E’ probabilmente la sua prestazione migliore da quando veste la maglia del Messina.

Da Silva, 6 – Nella sua metà campo fatica a tenere alta la

concentrazione, soprattutto quando bisogna impostare. Nella ripresa commette errori da matita blu e viene sostituito nel finale con Madonia (S.V.). Suo comunque l’assist per il gol di Milinkovic, ma può e deve fare di più.

Musacci, 6.5 – Fatica sempre a tenere la gamba nei contrasti, ma questa volta ci è sembrato più incisivo del solito. E’ in costante crescita, peccato che sia arrivata tardi.

Capua, 7 – Seconda rete stagionale per il centrocampista classe 92: il suo destro è centrale ma tanto potente da impedire a Perina un intervento efficace. Non ha giocato molto con Lucarelli, ma si è sempre fatto trovare pronto nel momento del bisogno.

Foto Antonio Maimone

Sanseverino, 6.5 – Finalmente una prestazione degna dopo un periodo affatto positivo.

Milinkovic, 7.5 – Croce e delizia di questa squadra, fa arrabbiare tantissimo Lucarelli quando sull’1-0 supera in velocità la difesa avversaria senza cercare il fallo. Al di là di questo episodio, gol e assist per il francese, che nell’ultima parte del campionato è diventato quell’uomo in più che Lucarelli sperava di avere sin da subito. Meglio tardi che mai, ma è ancora decisivo. Esce alla mezz’ora della ripresa per far posto a Foresta (voto 5 ci dispiace, perché è sempre tra i migliori, ma è entrato malissimo in partita perdendo praticamente ogni pallone).

Anastasi, 7 – A tutto campo, questo attaccante è straordinario: sempre presente in area di rigore, compie uno scatto incredibile sul finire del primo tempo, quindi dimostra di essere fisicamente apposto. Questa volta più sfortunato sotto porta, si fa però trovare sempre presente nella propria area di rigore per aiutare i compagni. E’ imprescindibile.

IL MIGLIORE DEL COSENZA

D’Orazio, 6.5.

Foto Antonio Maimone

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.