Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#LegaPro. Lampo di Milinkovic e tre punti d’oro in trasferta: il Messina batte l’Andria 1-0

Colpaccio del Messina che in quel di Andria raccoglie tre punti d’oro e vince per 1-0 grazie alla rete nel recupero del primo tempo di Milinkovic, bravissimo a infilarsi nella difesa avversaria. I peloritani hanno svolto un’ottima partita, portando a casa la prima vittoria esterna della stagione firmata Lucarelli, la seconda complessiva considerando anche l’1-0 di Catanzaro a inizio campionato. Per il Messina tre punti che muovono pesantemente la classifica in attesa delle partite di domani.

 

Foto Antonio Maimone

Lucarelli cambia radicalmente volto al suo Messina dopo la pesante sconfitta di Matera, rinunciando di fatto a capitan Musacci (tanti auguri, oggi spegne 30 candeline) per schierare un compatto 3-5-2: Berardi in porta, Maccarrone, Palumbo e Bruno in difesa; centrocampo a cinque dunque con l’esordio di Bencivenga a destra, Mancini, Da Silva e Foresta in mediana, De Vito a sinistra; in attacco la coppia formata da Milinkovic e Anastasi. In panchina dunque oltre a Musacci si accomodano anche Grifoni e Sanseverino, fino ad ora sempre impiegati da Lucarelli. Assente invece Rea. La Fidelis Andria schiera: Cilli, Aya, Volpicelli, Croce, Minicucci, Vasco, Cianci, Curcio, Tito, Onescu, Annoni.

Il match inizia subito con una nota stonata per il Messina: Bencivenga si fa male, infortunio muscolare probabilmente per il neo-acquisto peloritano, e al suo posto entra Grifoni. La partita è parecchio equilibrata nelle fase iniziali, ma la prima occasione è dei padroni di casa: Cianci riceve palla sulla trequarti campo e calcia violentemente col sinistro, Berardi devia in calcio d’angolo, tutto questo quando siamo al 18′. Cinque minuti più tardi ancora Andria pericolosa con Minicucci, che sfugge sulla sinistra e calcia col

sinistro verso l’area di rigore, ma la deviazione di Palumbo stava per trarre in inganno Berardi, attento a mandare il pallone in angolo. E’ un momento di grande pressione dei padroni di casa, ancora pericolosi con Tito al 26′, ma il suo destro dal limite è facilmente bloccato dal solito Berardi. Nel primo e unico minuto di recupero del primo tempo il Messina si fa sotto e passa in vantaggio: contropiede condotto da Foresta, palla a sinistra per De Vito che serve verso il centro Milinkovic, il 10 anticipa Curcio e Onescu, entra in area di rigore e calcia col destro, il suo tiro deviato termina alle spalle di Cilli. 1-0 dunque per il Messina all’intervallo.

Foto Antonio Maimone

Nella ripresa la reazione della Fidelis Andria è tutta in un’iniziativa personale di Volpicelli al 50′ ma il suo sinistro è alto di poco sopra la traversa. I padroni di casa mettono pressione, ma non danno troppe preoccupazioni a Berardi, con il Messina che parte spesso in contropiede rendendosi molto pericoloso. All’82’ Da Silva serve Anastasi, il destro della punta peloritana è deviato in angolo da Cilli. Due minuti più tardi ancora Messina con De Vito, cross verso l’accorrente Foresta ma palla alle stelle. All’85’ ancora Da Silva: ruba palla a centrocampo, coast to coast fino all’area avversaria, sinistro e palla deviata da Cilli ancora in angolo. Il Messina legittima e non soffre più di tanto, e dopo cinque minuti di recupero conquista tre punti preziosissimi e che portano i peloritani a 37 punti. Mercoledì si torna al San Filippo, a Messina arriva l’Akragas in quello che si preannuncia come un delicatissimo scontro diretto per la salvezza.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.