Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#LegaPro. Anastasi uomo della provvidenza: suo il gol decisivo a Lecce. Il Messina sbanca il Via del Mare

Vittoria di fondamentale importanza per il Messina, che sbanca il Via del Mare di Lecce grazie alla rete di Valerio Anastasi, rientrato proprio in questo match dopo alcune settimane di stop per un infortunio alla mano. I peloritani hanno fatto valere le motivazioni, decisamente più alte di un Lecce senza ambizioni almeno fino ai play-off e saldamente secondo in classifica. La rete, realizzata al 66′, porta il Messina a 42 punti, senza considerare i due punti di penalizzazione che arriveranno a breve in riva allo Stretto per la nefasta gestione societaria precedente a Franco Proto.

Il Messina è chiamato all’impresa in quel di Lecce per evitare i play-out, tremendamente più vicini dopo la sconfitta interna col Melfi della scorsa settimana. Lucarelli ritrova la sua punta dopo alcune settimane di stop e ripropone il 4-3-3. Berardi in porta, difesa con Grifoni e De Vito sulle fasce, Rea e Maccarrone centrali; in mediana confermato Musacci che vince nuovamente il ballottaggio con Mancini, mentre Da Silva e Sanseverino sono preferiti a Foresta; Ciccone e Milinkovic accompagnano il rientrante Anastasi. Il Lecce, già sicuro del secondo posto, non ha più niente da chiedere al campionato regolare e aspetta solo di disputare i play-off. I salentini schierano; Perucchini, Agostinone, Arrigoni, Torromino, Costa Ferreira, Marconi, Lepore, Pacilli, Tsonev, Drudi, Ciancio.

Foto Antonio Maimone

Il primo tempo, come da pronostico, non regala grandi emozioni. La prima occasione del match è del Lecce: Pacilli prende palla sulla trequarti e calcia col sinistro, para Berardi in due tempi. Ancora il portiere del Messina viene chiamato in causa al 16′ da Torromino, che dalla sinistra si accentra e calcia, ma il portiere ex Lazio non ha problemi a bloccare. Il Messina si fa vedere finalmente al 21′ con Milinkovic, che riceve palla al limite dell’area e calcia col destro, ma viene contrastato da un avversario e il suo destro termina alto. Dopodiché un quarto d’ora di nulla più totale,

fino a un tiro dalla distanza di Da Silva, facilmente bloccato da Perucchini, siamo al 36′. I peloritani sono in un buon momento: contropiede di Milinkovic, il suo passaggio per Anastasi, ben posizionato in area, è però sbagliatto, ma la palla arriva al solito Da Silva, che controlla e calcia dal limite, ma il suo sinistro è ancora bloccato da Perucchini. Ci riprova Torromino al 39′, palla fuori di poco, mentre sul ribaltamento di fronte Ciccone prova il gol della vita calciando da centrocampo, Perucchini però riesce a tornare tra i pali in tempo per bloccare il pallone. Da qui alla fine dei primi 45 minuti solo Lecce: l’ex Costa Ferreira ci prova con un rasoterra dal limite, Berardi respinge lateralmente distendendosi sulla sua sinistra. Al 46′ doppia occasione per il Lecce: prima Lepore su punizione deviata dalla barriera, Berardi in angolo, sul corner seguente Ciancio raccoglie il pallone in area e calcia col destro, spedendo la sfera di un niente fuori. Termina così il primo tempo del Via del Mare.

Nella ripresa subito i padroni di casa pericolosi con Costa Ferreira, ma il suo sinistro deviato termina di un niente oltre il palo destro di Berardi. Il Messina rischia al 52′ quando Marconi coglie un palo su azione di calcio d’angolo. Da questo momento il Lecce scompare dal campo e il Messina al 66′ trova la rete del vantaggio: Sanseverino riceve palla da Milinkovic, calcia col destro, il suo tiro è intercettato da Anastasi che sotto porta batte Perucchini. Rientro con gol per l’ex attaccante del Catania, fondamentale per questa squadra. La reazione del Lecce è in un tiro di Agostinone subito dopo, deviato da Grifoni e spedito in angolo da Berardi. Dopodiché è una punizione di Tsonev nel finale a impensierire Berardi, ma il tiro è alto sopra la traversa. Il Messina respira e sale a 42 punti, aspettando i due di penalità che dovrebbero arrivare tra questa e la prossima settimana. Domenica prossima scontro fondamentale al San Filippo contro il Cosenza.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.