Le prime decisioni ufficiali del CdA dell’Ente Teatro

Il teatro greco di Tindari

Importanti decisioni sono state assunte dal CdA del teatro Vittorio Emanuele nella seduta dell’8 luglio scorso, la prima con la presenza del soprintendente Nino Saja.

Il CdA ha continuato il proprio lavoro di risoluzione dei delicati problemi che aveva intrapreso già nelle precedenti sedute, in cui aveva concretizzato il rilascio dell’immobile in affitto di via Mario Aspa conseguendo un risparmio annuo di 40 mila euro, approvato un protocollo d’intesa con il Comune di Patti per un progetto che prevede anche l’uso del Teatro di Tindari e avviato l’iter conclusivo del progetto Demone Teatro promosso dalla Soprintendenza ai Beni culturali e che vede il ruolo guida del Teatro Vittorio Emanuele e la partecipazione di oltre 20 Comuni del territorio, tra cui Taormina, Barcellona e Milazzo.
Si è deciso di aderire all’iniziativa Posto occupato, campagna di sensibilizzazione contro il femminicidio, consistente nel riservare con una locandina che raffiguri un drappo rosso una poltrona del teatro a una ipotetica spettatrice che non c’è più. Avviata anche un’intensa
attività di valutazione e definizione del contenzioso.
Nella seduta dell’8 luglio il CdA all’unanimità ha approvato un importante provvedimento, anche se transitorio, che
per la prima volta dalla costituzione dell’ Ente definisce un assetto organizzativo degli uffici e del personale, attuando la distinzione tra indirizzo e controllo degli organi e gestione affidata al personale e prevede la definizione del piano di fabbisogno del personale.
D’intesa con il soprintendente Nino Saja e con i direttori artistici Ninni Bruschetta e Giovanni Renzo è stata determinata la riduzione del loro compenso del 20%. Avviati gli ‘iter per l’approvazione del nuovo regolamento di funzionamento degli organi e per il nuovo regolamento di organizzazione degli uffici e del personale e dei provvedimenti in materia di trasparenza, anticorruzione, perfomance. Decisa, altresì, una nuova disciplina che regola il conferimento di incarichi professionali.
Assunte importanti decisioni concernenti un concorso grafico per un logo del teatro con tema l’angelo nel frontespizio, l’indizione dell’appalto concorso per la riapertura in ottobre del bar, un diverso sistema logistico e organizzativo di reception e rapporto con il pubblico e l’utenza.
Deciso, infine, l’avvio di un progetto operativo per un periodico mensile di spettacolo e cultura indirizzato al territorio e da distribuire gratuitamente agli abbonati avvalendosi delle numerose e autorevoli presenze culturali e professionali della città. Infine il CdA ha preso atto della relazione del soprintendente relativa all’analisi delle criticità presenti nel sistema e delle iniziative da assumere per affrontare la fase transitoria e un progetto di sviluppo dell’Ente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *