Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

“Le imperdonabili”, lectio magistralis su beghine, sante, eretiche e scrittrici dal Medioevo al Novecento

CATANIA. Giovedì 10 ottobre alle 10, nell’auditorium Giancarlo De Carlo del monastero dei Benedettini, il professor Antonio Di Grado, ordinario di Letteratura italiana nel dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania, terrà una lectio magistralis dal titolo “Le imperdonabili”. L’incontro nasce dall’occasione del pensionamento dell’eminente docente catanese dopo quarantacinque anni di attività universitaria. Oggetto della lectio sono alcune figure di donne, dalle beghine, dalle sante e dalle eretiche del Medioevo alle scrittrici visionarie del Novecento, che rinnegando i percorsi univoci del Logos maschile hanno saputo sporgersi sull’oltre e indagare sull’inconoscibile.

E c’è stata chi, come le ospiti dei beghinaggi, si è auto-organizzata fuori dalle gerarchie e dalle imposizioni ecclesiastiche in esemplari modelli di aurorale emancipazione femminile. A introdurre la lectio del professor Di Grado il rettore Francesco Priolo e il direttore del DISUM Marina Paino.