Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’Amministrazione Accorinti e Ance Messina al lavoro per la città

Giunta Accorinti e Ance Messina a confronto stamane a Palazzo Zanca. L’amministrazione comunale e l’Associazione dei costruttori edili hanno deciso di lavorare insieme per dare vita ad alcune ipotesi che permetterebbero al settore edile di contribuire alla realizzazione di un percorso comune di crescita economica, sociale e produttiva della città.

A guidare la delegazione di Ance Messina il presidente Salvatore Arcovito, che insieme al sindaco Renato Accorinti, al vicesindaco Guido Signorino e all’assessore all’Urbanistica Sergio De Cola ha discusso di lavori pubblici, edilizia privata, finanziamenti europei, partenariato pubblico-privato, riorganizzazione della macchina burocratica, edilizia sociale e infrastrutture turistiche.

Tutti temi fondamentali per il futuro di Messina e il miglioramento della qualità della vita, affrontati con l’obiettivo di individuare gli interventi che è possibile effettuare a breve e medio termine.

Il settore edile, tradizionale volano di sviluppo della città e della sua provincia, da oltre 15 ani soffre una crisi senza precedenti, ulteriormente aggravatasi

dal 2007 ad oggi.

Negli ultimi 5 anni gli addetti denunciati alla Cassa Edile sono diminuiti di 3.600 unità e le imprese locali hanno subito una drastica riduzione delle opportunità di lavoro, sia nel settore pubblico (rispetto all’anno scorso gli appalti pubblici sono crollati di oltre il 40%) che in quello privato.

“L’amministrazione Accorinti e Ance Messina -fanno sapere da Palazzo Zanca- si sono impegnati a creare sempre maggiori canali di comunicazione reciproca e di collaborazione, poiché ritengono indispensabile avviare, in tal modo, un confronto pubblico che porti alla individuazione di una idea di città funzionale al suo sviluppo complessivo.

L’Ance ha apprezzato il percorso avviato dall’Amministrazione comunale nell’opera di riorganizzazione delle procedure interne burocratiche, per ottenere maggiore trasparenza, pari concorrenzialità tra le imprese e velocizzazione delle pratiche, con particolare riguardo ai problemi legati alle procedure per i pagamenti alle imprese e al rilascio delle autorizzazioni. Nell’ambito di una nuova concezione degli spazi della città, l’Amministrazione comunale ha anche riaffermato la necessità di recuperare aree verdi nel rispetto della normativa di tutela”.