Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’acqua è più preziosa dell’oro: 9 modi per non sprecarla

Bambina africana acquaSappiamo bene come l’acqua, in natura, sia tra i principali costituenti degli ecosistemi e alla base di tutte le forme di vita conosciute, uomo compreso.

Purtroppo, però, lo spreco di acqua per l’uso quotidiano è davvero notevole e, talvolta, non ce ne rendiamo nemmeno conto.

Sono molteplici gli usi ad essa legati, vuoi per la preparazione di alimenti e bevande, per l’igiene personale, degli impianti sanitari e della casa, per le imprese alimentari, per lo spegnimento degli incendi, per il giardinaggio, per usi ricreativi (come sport acquatici), per usi agricoli, per gli impianti idroelettrici, per gli impianti di riscaldamento e raffreddamento e tanto altro ancora…

Insomma, l’acqua è davvero indispensabile per la vita tutti i giorni, ma si pensi per esempio a quelle popolazioni che non ne hanno libero accesso diretto o che per poterne usufruire giusto per lo stretto necessario devono percorrere distanze a volte chilometriche.

Come possiamo fare, dunque, per limitare lo spreco di acqua, per il bene dell’ambiente, per il rispetto di quelle popolazioni che, a differenza nostra, non ne hanno libero accesso e per salvaguardare il nostro portafogli?

Semplice, basta seguire dei semplici accorgimenti suggeriti anche da Altroconsumo per risparmiare acqua durante le nostre attività quotidiane. Può sembrar banale, ma se seguiti correttamente vi permetteranno di risparmiare moltissimi litri di acqua ogni anno e, di conseguenza, questo vi permetterà di risparmiare anche in denaro. E’ importante seguire sì gli accorgimenti che ora vi presentiamo ma innanzitutto affidarsi al buonsenso!

Nove consigli per risparmiare acqua

1- I rubinetti. Un ottimo consiglio sarebbe quello di applicare ai rubinetti dei riduttori di flusso, che consentono di miscelare l’acqua con l’aria: questa operazione fa sì che si riducano quelli schizzi d’acqua, arrivando a risparmiare decine di migliaia di litri all’anno.

2- Doccia e vasca da bagno. Tra le due, preferite la prima: riempire la vasca, infatti, comporta un consumo d’acqua quattro volte superiore rispetto alla doccia. Due consigli per il discorso doccia: potete far installare, tra rubinetto e tubo della doccia, i riduttori di flusso di cui parlavamo prima, oppure potete ricorrere al sistema a interruzione rapida del flusso, un interruttore posto sul soffione che blocca momentaneamente l’erogazione senza perdere la regolazione desiderata della temperatura dell’acqua.

3- Sciacquone del water. Scegliete uno sciacquone con lo scarico differenziato e doppio pulsante, che vi permette di diversificare la portata dello scarico. Se installate uno scarico del water a cassetta, preferite quelli con una capacità non superiore ai 6 litri, una capienza che si rivela essere sufficiente per lo sciacquo, riducendo il consumo di acqua superflua.

4- Elettrodomestici. Preferite elettrodomestici di classe A+ progettati per ridurre il consumo di acqua. Sì, è vero che al momento dell’acquisto il prezzo risulta essere più alto, ma non solo avrete un prodotto di qualità, in più risparmierete notevolmente in termini di acqua e risparmio energetico.

5-Lavatrice e lavastoviglie. Oltre al consiglio riportato prima, ricordate di azionare questi due elettrodomestici solo a pieno carico, a meno che non strettamente necessario. Pulite periodicamente  il filtro dell’elettrodomestico. Ricordatevi inoltre di non esagerare con le dosi di detersivo: spesso, infatti,  lavatrici e lavastoviglie di buona qualità funzionano perfettamente anche solo con la metà della dose indicata nelle confezioni.

6- Ferro da stiro. Per stirare, si consiglia di optare per quei ferri da stiro a vapore con il serbatoio ad acqua.

7- Lavaggio dei piatti. Quando lavate i piatti non tenete il rubinetto aperto tutto il tempo: basta mettere dell’acqua in una bacinella per il lavaggio delle vostre stoviglie, dopodichè usate l’acqua corrente per il risciacquo.

8- Giardinaggio e piante. Per innaffiare le vostre piante, preferite un impianto di irrigazione a goccia, che abbatte di molti litri lo spreco di acqua rispetto all’uso della canna. Un altro buon consiglio è quello di innaffiare le piante verso sera, poichè l’acqua tende ad evaporare più lentamente e anche la salute della stessa pianta ne trarrà dei benefici. Per innaffiare le piante potete “riciclare” quella impiegata per il lavaggio di frutta e verdura, oppure quella piovana o dei climatizzatori.

9- Perdite d’acqua. Periodicamente controllate se avete delle perdite d’acqua in casa. Per farlo, vi basta chiudere tutti i rubinetti: se il contatore dell’acqua continua a girare, vuol dire che in casa vostra c’è una perdita.

Riuscite a immaginare quanta acqua e quanta energia si riuscirebbero a risparmiare nelle nostre case? A quanti sprechi si potrebbero evitare? Soprattutto se, come dicevamo prima, pensiamo a tutti quei Paesi che giorno per giorno devono lottare per poterne usufruire solo in piccolissima parte?    (Articolo e foto pubblicati su Eticamente.net)