Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

La piazza del Popolo di Calabrò e Crocetta

Il presidente Crocetta a Messina per Felice Calabrò

La campagna elettorale è ormai in dirittura di arrivo ed i candidati si spendono negli ultimi comizi cittadini. Ad intervenire in favore del candidato di centrosinistra Felice Calabrò, è stato il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, per la festa di piazza del Popolo ieri sera.

“Messina riparte da qui”. Ha detto Calabrò, ricordando la figura di Francesco Lo Sardo. “Il Comune dovrà tornare ad essere la casa dei cittadini, non ci saranno più i privilegi verso i soliti noti”.

Lo appoggia Crocetta: “Io sono il presidente dei cittadini e così sarà Felice. Io amo Messina, tanto che ne ho fatto la mia residenza e sono certo che Calabrò, come nuovo sindaco, punterà al cambiamento”.

E qui Crocetta snocciola i provvedimenti come presidente della Regione.”C’è già un nuovo commissario dell’Ente Teatro di Messina, la decisione è già stata assunta, ma sarà resa nota dopo le elezioni per evitare strumentalizzazioni.

Il governo regionale in sei mesi ha fatto grandi passi avanti- continua il presidente della Regione. Bisogna chiudere la partita con il precariato. Ventidue mila 500 precari con un reddito medio di 800 euro è una situazione inaccettabile. I precari di Palermo che mi chiedono la stabilizzazione dovranno aspettare che la Regione possa stabilizzare tutti i precari siciliani e non solo alcuni”.

E attacca i candidati pro ponte di centrodestra. “Ai candidati di centrodestra che sono a favore del ponte io rispondo di farlo pure se hanno i soldi. Hanno governato per tanti anni, perché se c’era il progetto e c’erano i soldi non l’hanno fatto?”.

Il candidato Calabrò ricorda i punti fondamentali della proprio programma. Dalla riorganizzazione della macchina amministrativa e dei servizi sociali a quella delle partecipate. “Ricordando sempre gli ultimi -puntualizza Calabrò”.

Presenti sul palco i deputati regionali di centrosinistra messinesi, che hanno così voluto mostrare il sostegno incondizionato al candidato scelto alle primarie e  a tutte le liste per il Consiglio comunale e di Quartiere.