Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

La nuova Sigma Barcellona cade ad Imola

E’ una nuova Sigma Barcellona quella che si presenta ad Imola per la 7° di ritorno. La squadra del presidente Bonina ha visto nel giro di qualche mese la partenza di Bell e l’innesto di Thomas e nell’ultima settimana la partenza di Sanders e l’arrivo in corsa di Hardy.

Un gruppo che non ha avuto ancora la giusta amalgama con in due nuovi arrivi si presenta in casa del fanalino di coda Imola, con la necessità di ripartire in fretta dopo la sconfitta di due settimane fa con Casale.

Imola ultima in classifica però si è dimostrata avversario ostico, specialmente al cospetto delle grandi, ed ha sfoderato prestazioni da tutt’altro posto in classifica.

Inizio match contratto con Imola che sfodera grande cuore in difesa e si muove ordinata in attacco, la Sigma parte sempre un po’ a rilento ed i primi minuti del quarto vedo i padroni di case stare avanti. Il nuovo arrivo Hardy e Green portano sotto gli ospiti che sullo scadere del quarto trovano il +1 con Eliantonio, prima sirena 12 a 13.

Nel secondo quarto la musica non cambia molto, il gioco ed i canestri si vedono a spazzi, è Imola che ne approfitta maggiormente e si porta avanti sui giallo rossi raggiungendo il massimo vantaggio a +8. Ci pensano poi Hardy ed il capitano Bucci ad accorciare e fissare il risultato sul 28 a 24 alla pausa lunga.

Si ritorna in campo per la seconda metà gara, al tentativo di fuga di Imola Barcellona risponde con il solito Hardy, unico giallo rosso veramente in gara quest’oggi, ed Eliantonio portando il roster di Perdichizzi a ridosso dei padroni di casa.

Frassinetti piazza la sua tripla che riallontana i siciliani, che si ritrovano ancora con uno 0 su 16 da tre punti, le bocche da fuoco di Barcellona sembrano aver perso la forza nei tiri pesanti quest’oggi. Inizia l’ultimo quarto con Barcellona che spinge ma l’unica cosa che ottiene è far raggiungere rapidamente il bonus ad Imola ed a mandare in lunetta Giuri e Cittadini.

Dalla sua, Imola approfitta della giornata no per i tiri pesanti degli ospiti piazzando le sue triple e quando Hardy a un primo dallo scadere mette dentro la prima tripla di Barcellona i giochi sono ormai chiusi.

Imola batte Sigma Barcellona 59 a 54. Delusione palpabile tra le fila del Longano e tra i tifosi che hanno seguito la squadra, una partita che doveva segnare il rilancio, si è tramutata in un disastro. L’innesto dei nuovi non può essere indicato come unica chiave di lettura della prestazione, molto al di sotto del livello e del blasone che la squadra di coach Perdichizzi porta con sé.

Con uno sguardo alla classifica allunga solo Pistoia vincente a Scafati, resta invariato invece il distacco da Casale Monferrato sconfitta da Veroli, ghiotta occasione persa quest’ultima, per il riaggancio del secondo posto. I siciliani hanno ora una settimana di tempo per lubrificare nuovamente tutti gli ingranaggi e presentarsi, al rientro al PalAlberti, alla sfida con Veroli.

Aget Imola: Turel 2, Chillo 6, Maestrello 6, Valenti 13, Frassineti 8, Masoni 2, Fillipini, Riga, Foiera 10, Gay 12. Coach: Fucà.

Sigma Barcellona: Cittadini 4, Biondo, Thomas 3, Hardy 18, Green 9, Bucci 4, Callahan 7, Mocavero, Eliantonio 7, Giuri 2, Coviello. Coach: Perdichizzi.