Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

L’8 marzo dell’Arcigay di Messina

Da sin: Ribellina Drag, Rosario Duca e Tonino Cafeo

I primi a celebrare l’8 marzo sono stati i soci dell’Arcigay di Messina. Che hanno organizzato una serata per premiare le donne che si sono particolarmente distinti per l’impegno nel quotidiano e per le testimonianze rese nel lavoro e nella vita privata.

“Riteniamo che il modo migliore per celebrare questa giornata -ha dichiarato il presidente dell’Arcigay di Messina Rosario Duca- sia quello di riconoscere pubblicamente l’impegno di queste donne in tutti i settori che ci toccano da vicino.

A partire dalla politica e dall’ambiente fino alla comunicazione, alla lotta alla mafia e a tanti altri. Le vogliamo ringraziare per quello che fanno, perché è davvero importante”. Maestro delle cerimonie il giornalista Tonino Cafeo.

Numerosi i riconoscimenti ad altrettante donne. A Sofia Martino per l’impegno politico, all’avvocato Carmen Cordaro per quello sociale, a Barbara Di Carlo per l’organizzazione degli eventi ricreativi dell’Arcigay di Messina, a Ketty Bertuccelli per quello che fa all’interno del Comitato Makwan Arcigay di Messina.

Poi alla docente universitaria Antonella Cocchiara per il lavoro svolto nel campo delle Pari Opportunità, a Esmeralda Rizzi

per l’attività sindacale, al direttore di Messina.Sicilians.it Elisabetta Raffa per l’impegno nel settore del giornalismo, ad Angela Manca come recita la motivazione “come madre prima, e come donna dopo, nel perseguire costantemente la ricerca di giustizia”.

Da sinistra: Tonino Cafeo, Elisabetta Raffa e Gianluca Manca

E ancora: a Lisa Pietrafitta per l’impegno come madre di figli LGBT, a Palmira Mancuso per l’impegno televisivo, a Raffaella Spadaro per il lavoro a difesa dell’ambiente, a Fabiola Rinaldi “a nome dei trans che si sentono donne e non sono riconosciute come tali, al veterinario Rosa Cassata per l’amore con cui cura gli animali, a Simona Flamenca, Pina Basile, Concetta Bonanno ed Eugenia Messina in quanto sostenitrici delle iniziative LGBT.

Il grazie della comunità anche a Roberta Palermo (primo presidente dell’Arcigay di Messina) per come ha difeso per anni la causa LGBT, a Giulia Zuccotti per quello che fa per i migranti e per la difesa dei diritti civili.

Premiate anche Giada Galletta per i progetti nelle scuole svolti per l’Arcigay di Messina, a Tania Poguish per il volontariato e a Tindara Druenti per il prezioso lavoro di sostegno ai ragazzi ed alle ragazze più giovani della comunità LGBT.