Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

In stato di agitazione i lavoratori dell’Autogill di Tremestieri

I costi devono essere dimezzati e così il personale notturno passa ad un’unica unità. A deciderlo i vertici di Autogrill spa, che ha disposto questo provvedimento per tutte le sue sedi sparse sul territorio nazionale. Immediata la reazione dei lavoratori dell’Autogrill di Tremestieri, che presenta grossi problemi per la sicurezza e l’incolumità del personale, che hanno dichiarato lo stato di agitazione.

“Oltre alle grandi dimensioni della struttura -spiega il segretario generale della Filcams Cgil Andrea Miano- alle scarse misure di sicurezza ed al fatto che trovandosi all’interno di un circuito cittadino ha solitamente un’utenza maggiore rispetto agli Autogrill propriamente autostradali, a Tremestieri la maggior parte del personale addetto al servizio è di sesso femminile e di conseguenza si pone oggettivamente un problema per la sicurezza delle lavoratrici. In un primo tempo avevamo richiesto ad Autogrill l’implementazione delle misure di sicurezza, cosa che non è stata se non in minima parte fatta. Ma la verità è che per le peculiarità del locale, è inaccettabile che nel turno dalle 24 alle 6 del mattino notte ci sia una personale da sola, tanto più se donna”.

La Filcams che chiede a Autogrill di ritirare il provvedimento ed il ripristino delle due unità minime di personale nell’orario notturno, ha proclamato lo stato di agitazione del personale in attesa di passare a forme di protesta più incisive nel caso non si trovasse una soluzione adeguata.