Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Migliaia di precari degli Enti Locali a rischio. M5S: “La Regione non risponde”

Precari della Provincia Regionale di Messina
Precari della Provincia Regionale di Messina

La scadenza per la stabilizzazione di migliaia di precari degli Enti Locali siciliani incalza. Al 31 dicembre manca poco più di un mese, ma il Governo Crocetta non dà indicazioni.

Il Movimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione all’ARS per chiedere chiarimenti, soprattutto sul numero di lavoratori da assumere.

La capogruppo Valentina Zafarana, prima firmataria del documento, chiede “come prima azione di verificare l’effettivo numero di lavoratori precari che potranno essere stabilizzati, numero ad oggi ignorato. Ma soprattutto, si pensi sin da ora a trovare soluzioni alternative concrete per quel bacino di lavoratori che non beneficeranno del processo di stabilizzazione prevista dalla legge”.

Le procedure di stabilizzazione dei precari prevedono tali e tanti vincoli, che moltissimi lavoratori inevitabilmente saranno tagliati fuori.

Tra i paletti posti dalla normativa, il rispetto del patto di stabilità interno e del vincolo di riduzione della spesa per il personale e il limite massimo del 50% delle risorse destinate alle procedure di assunzione.

“La nostra paura -dichiarano i 14 deputati M5s all’ARS- è che questo governo, anche questa volta, arrivi in ritardo e, soprattutto, impreparato alla scadenza definitiva dei contratti precari del 31 dicembre. Nulla si muove e tra i mille proclami di Crocetta non c’è traccia di una soluzione per le migliaia di precari che resteranno senza lavoro tra poco meno di un mese e mezzo”.

 

Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.