“Il secondo prescelto”, tra fantascienza e sentimenti il nuovo libro del barcellonese Salvatore Cutugno

E’ già in edicola il libro dell’autore barcellonese Salvatore Cutugno dal titolo “Il secondo prescelto” (Helios Edizioni). Il libro è una trama alla quale Cutugno ha pensato per circa tre anni. Il suo compito è quello di tenere sotto controllo per 35 anni dieci candidati che nasceranno alla mezzanotte del 1985. Il tutto nella speranza di trovarne qualcuno con sani principi morali, così da affidargli il compito di cercare di contrastare il male e di agire per la serenità e la pace nel mondo. Il soggetto prescelto è Elio Sacci, figlio di un contadino di Gala, frazione Barcellonese. Il piccolo frequentava l’oratorio salesiano e praticare sport, in particolare il gioco del calcio. E’ grazie al proprio talento calcistico che riesce a giocare

in squadre di un certo livello e mettere da parte i soldi che gli permetteranno di studiare e aiutare la famiglia. Ermes si presenta al giovane Elio, spiegando nei dettagli le sue difficoltà e il ragazzo, accetta. Da qui parte il suo viaggio a bordo della Caravella salvifica, destinazione: Iran. Riesce a cambiare molte cose, con determinazione e forza di volontà. Poi, improvvisamente, nella sua vita entra Elisa, giovane e sensuale giornalista milanese sfuggita ai suoi sequestratori. Conquistarla non fa parte del compito che gli è stato affidato, ma si devono fare i conti con l’indole umana. Pagine veramente piene di divertimento e ironia, dove si alternano a pagine in cui vengono messe in evidenza diverse criticità che attanagliano la terra. Il libro è possibile acquistarlo a euro 9,99

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *