Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il Movimento 5 Stelle sceglie una donna per Palazzo Zanca. Intervista a Maria Cristina Saija, voluta dalla base

Maria Cristina Saija

Mentre le due coalizioni di centrodestra e centrosinistra sono ancora impantanate nella scelta del candidato per la poltrona a sindaco di Messina, il Movimento 5 Stelle cittadino ha già deciso.

A dispetto del PD, che forse farà un’occasione perduta delle tanto decantate primarie, e del PDL, che guarda e tace sulla partecipazione popolare alle decisioni di partito.

Una secca smentita a chi li accusava di avere subito un candidato scelto dal loro leader Beppe Grillo, il M5S ha reso protagonisti i propri attivisti e in 42 hanno scelto come candidato per la poltrona di Palazzo Zanca Maria Cristina Saija, 33enne da sempre tra le fila dei Cinque Stelle di Messina.

“Ci è sembrato giusto che votassero gli attivisti che in questi anni si sono distinti per l’impegno all’interno del Movimento -spiega Maria Cristina Saija. Non è una questione di esclusività, ma di maturità del nostro gruppo, che è insieme dal 2007.

Abbiamo vissuto un percorso che ci ha condotti fino ad oggi, da quando nel 2008 avevamo il sogno di portare avanti la nostra rivoluzione culturale ad ora che siamo pienamente consapevoli di poter cambiare le istituzioni dall’interno”.

La votazione, avvenuta nei giorni scorsi, aveva ricevuto accoglienze discordanti da parte dei giornali locali. Qualcuno aveva persino indicato la Saija come la candidata prescelta dallo stesso Beppe Grillo, fondatore del Movimento.

“E’ assolutamente falso che Grillo si sia intromesso nelle votazioni del gruppo messinese -smentisce la Saija. L’elezione è avvenuta fra gli attivisti, cioè quelle persone che si sono distinte per impegno, specialmente nell’ultima campagna elettorale, e che hanno creduto di più nelle battaglie del Movimento”.

E racconta in che modo si sono svolte le votazioni. ”In prima battuta, ci siamo riuniti e tra i 42 sono stati fatti alcuni nomi, fra cui scegliere il candidato. Durante la votazione finale, io ho avuto 28 voti su 42, i restanti sono andati ad altri possibili candidati che erano stati indicati fra tutti”.

Una votazione che, se da un lato potrebbe avere un carattere chiuso ed esclusivista, dall’altro ha dato la certezza al Movimento di Messina di avere un candidato da sempre impegnato nelle iniziative del gruppo, un volto conosciuto tra i grillini dello Stretto.

La presentazione ufficiale questa sera alle 20.30 in piazza Unione Europea e poi l’inaugurazione della nuova sede del gruppo messinese.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.