Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il Messina crolla anche contro la Juve Stabia e finisce 0-3

Foto Paolo Furrer

I giallorossi perdono contro la Juve Stabia e scivolano sempre più indietro in graduatoria. Al San Filippo i campani si impongono per 0-3.

Il Messina si presenta con una formazione in emergenza. Solita difesa a quattro davanti a Berardi, che sostituisce lo squalificato Iuliano, con Cane a destra, Rullo a sinistra, con Pepe e Altobello centrali.

A centrocampo Izzillo (che sostituisce l’infortunato Mancini) e Damonte agiranno in mediana, con Ciciretti tra le linee e il tridente composto da Orlando, Corona e il confermato Spiridonovic dopo l’ottima prova di lunedì contro i salentini.

Nel primo tempo partono forte le Vespe, che già al secondo minuto avrebbero l’opportunità di passare in vantaggio, ma Berardi, al debutto assoluto oggi, non si fa sorprendere dalla conclusione ravvicinata di Di Carmine.

Lo stesso non si può dire di Rullo, che dopo aver sbagliato un banale stop atterra Nicastro in area e l’arbitro non può far altro che concedere il rigore. Dagli undici metri si presenta Di Carmine che batte l’estremo difensore giallorosso trovando cosi il suo gol numero 11 in stagione e portando la Juve Stabia in vantaggio sul campo del Messina.

I peloritani sono senza dubbio volitivi, ma sono altrettanto poco incisivi, soprattutto in avanti. Il reparto arretrato mostra lacune evidenti e gli attaccanti campani non hanno difficoltà a infiltrarsi tra le maglie giallorosse.

Dopo alcune occasioni nitide sbagliate dagli ospiti, al 45′ una triangolazione Gammone-Di Carmine-Gammone permette all’esterno della squadra di Pancaro di battere l’incolpevole Berardi e fissare il punteggio sullo 0-2 al termine del primo tempo.

Al rientro in campo ci si aspettava un Messina diverso che mostrasse più grinta e voglia, ma il divario tecnico tra le due squadre è troppo evidente e così la Juve Stabia legittima sempre più il risultato. Al 26′ da un calcio d’angolo del Messina parte un contropiede letale con la coppia Di Carmine-Nicastro che confeziona il gol dello 0-3 chiudendo definitivamente la partita.

A questo punto la Curva Sud mette in scena una protesta nei confronti della squadra girandosi di spalle e non guardando ciò che succede in campo. Sul terreno di gioco è sempre la Juve Stabia a creare le occasioni migliori e il nuovo entrato Bombagi al 78′ trova una clamorosa traversa che poteva arrotondare ancor di più il risultato.

Gli ultimi minuti sono di pura accademia, con le Vespe che non attaccano più preferendo il possesso palla. Dopo 3 minuti di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi facendo partire le inevitabili proteste del pubblico di casa.

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.