Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il Gran Maestro Raffi ad Accorinti: “Siamo costruttori di umanità”

Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia

Continua lo scambio di lettere e di dichiarazioni a distanza tra il sindaco di Messina Renato Accorinti ed il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia Gustavo Raffi, ma di un incontro chiarificatore per il momento neanche a parlarne.

Dopo la dichiarazione di Accorinti che non ci saranno massoni nella sua amministrazione, Raffi gli ha scritto una lettera con la quale gli ha chiesto un incontro chiarificatore. Accorrinti ha replicato dichiarando che i massoni perseguono solo gli interessi della massoneria e così il Gran Maestro gli ha scritto una seconda volta.

In attesa della nuova replica del sindaco di Messina, ecco il testo della lettera di Raffi. “Signor Sindaco,
con riferimento alle Sue dichiarazioni pubblicate nella “Gazzetta del Sud” del 3 agosto in merito alla “logica di parte” che connoterebbe i comportamenti degli appartenenti al Grande Oriente d’Italia, impedendo loro di immedesimarsi con “l’interesse pubblico e collettivo di un’istituzione”, ci corre l’obbligo di precisare quanto segue.

Noi, all’atto dell’ingresso in Massoneria, la “nostra” Massoneria, sia ben chiaro, promettiamo di rispettare la Costituzione Repubblicana e le leggi che ad essa si conformino e a tale promessa improntiamo il nostro operare sui posti di lavoro, nella vita civile, nelle Istituzioni, impegnandoci al contempo perché il legame di umana solidarietà che ci affratella possa incessantemente allargarsi sino ad abbracciare tutte le donne e tutti gli uomini di ogni Paese e il nostro storico trinomio Libertà Eguaglianza e Fratellanza trovare compiuta realizzazione in ogni aspetto della vita associata.



Siamo uomini di parte? No, siamo Costruttori. Di umanità e di senso, schierati sempre per le battaglie di libertà, laicità e progresso. Le ragioni della difesa delle libertà civili e della lotta contro ogni discriminazione non ci hanno visto e non ci vedranno mai spettatori neutrali, ma sempre impegnati per la difesa delle vittime del pregiudizio e dell’intolleranza.

Contro il pensiero unico e i luoghi comuni, costruendo su cultura e idee per contribuire all’armonia del vivere civile.

Non comprendiamo cosa voglia Lei dire quando afferma: “si promettono fedeltà” ed ancor meno quanto poi continua: “Quindi hanno una logica…”. Se ciò vuol dire che privilegiamo gli interessi personali di questo o quel Fratello, Lei si sbaglia. E si sbaglia di grosso.

Ciò è lontano dall’essere Massoni, anzi ne è esattamente l’opposto. Non ci interessano risultati personali: vogliamo solo “servire” al progresso dell’Umanità, lavoriamo per essere pietre levigate che concorrono a sostenere il Tempio dell’Umana Famiglia e ci prepariamo per farlo individualmente, ognuno secondo le proprie idee, nei propri ruoli, secondo la  militanza di ciascuno nella vita civile, per come dimostra la nostra storia e quella di moltissimi Fratelli.

Siamo parte VIVA della società, e ne siamo orgogliosi.

Nella fedeltà alle nostre tradizioni bicentenarie e confortati dal sostegno solidale delle Massonerie regolari di tutto il Mondo, ci batteremo con tutte le nostre forze e con tutti i mezzi legali a nostra disposizione perché la logica del pregiudizio e della discriminazione venga sconfitta, anche nella Città di Messina, e le libertà costituzionali difese e garantite.

Difendiamo la bellezza della pluralità e della differenza contro la gabbia del pregiudizio. I nostri Templi sono aperti sulla storia, come dimostra uno stile di trasparenza che ci distingue in ogni nostro atto. Per verificare tale percorsi, basta andare sul nostro sito, www.grandeoriente.it. Non abitiamo le catacombe, ma l’agorà.

Le rinnoviamo perciò, con forza, la richiesta di un pubblico confronto. Scelga il giorno, l’ora e il modo a Lei più graditi.
Chi non ha paura della verità si guarda negli occhi. Noi non abbiamo paura”.