Il giro della Sicilia a piedi per sostenere l’associazione barcellonese la Casa di Francesco, la sfida del carabiniere Perrellis

2103

Due anni fa Antonio Perrellis, appuntato dei carabinieri, è stato grande protagonista di una magnifica impresa, da Torino ad Acri, in provincia di Cosenza, a piedi con l’unico obiettivo di sensibilizzare la gente verso le realtà che accolgono e supportano le persone meno fortunate. Perrellis, che nel frattempo ha anche scritto e pubblicato un libro per raccontare le sue gesta, ci riprova. Questa volta, il “camminatore solitario” ha intenzione di percorrere a piedi 947 Km di strada, da Messina a Messina. Un giro della Sicilia che vedrà Perrellis impegnato a raccogliere ancora una volta fondi da destinare a due associazioni,  la “Raggio di Sole”  che opera ad Acri (CS) e si occupa di famiglie con figli in situazione di fragilità e “La Casa

di Francesco che opera a Barcellona Pozzo di Gotto, dove nel pomeriggio di oggi è stato, e che si occupa di bambini  provenienti da famiglie in forte disagio, economico e sociale. Secondo le previsioni di Perrellis per compiere l’impresa occorerranno in totale 29 giorni, di cui 25 di cammino e 4 di riposo, percorrendo in media 40 Km giornalieri. «Sono consapevole che mi aspetta un mese difficile ma emozionate. Lo condividerò con tutti voi, pregando Dio affinché mi sostenga nel riuscire a portare a termine l’impresa», afferma il “camminatore solitario”. Le libere donazioni è possibile farle utilizzando l’iban che riportiamo di seguito:  – “Raggio di Sole” IBAN: IT35 N076 0116 2000 0008 7194 981; “La Casa di Francesco IBAN: IT 46Q 0617 5820 710 00000 954 580.

 

Carmelo Amato

Il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori comunali, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *