Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il Consiglio comunale in ansia per la sostituzione di Alligo

La presidente del Consiglio comunale Emilia Barrile

La città cerca di rialzarsi dopo le macerie degli ultimi 15 anni, la viabilità è un un inno alla doppia e tripla fila, ci sono interi quartieri senza acqua da giorni, la raccolta dei rifiuti è come la tela di Penelope, con i messinesi che insudiciano a tempo di record laddove è appena stato pulito, solo tre scuole sono in regola per quanto riguarda i criteri di sicurezza e per il verde procapite siano il fanalino di coda del Paese.

Ma il Consiglio comunale di Messina vigila. E con logica schiacciante dichiara la propria sincera preoccupazione per l’imminente (e ovvia) sostituzione del segretario generale del Comune Santi Alligo.

Che sarà anche una persona gentile, per carità, ma non è che abbia proprio brillato in questi anni rispetto alla gestione delle numerosissime crisi che hanno lacerato Palazzo Zanca.

Peraltro, visto che quello del segretario generale è un ruolo fiduciario, è anche logico che l’amministrazione guidata da Renato Accorinti voglia qualcun altro su quella poltrona.

E così, emergenza tra le emergenze, questa mattina la presidente del Consiglio Emilia Barrile ha convocato i presidenti delle dieci Commissioni consiliari per discutere dei rapporti futuri con l’esecutivo.

“In particolare -ha sottolineato il presidente Barrile- si è rilevata la totale assenza, ad oggi, di informazione relativamente al Bilancio consuntivo 2012 ed al Bilancio Preventivo 2013″.

Che l’amministrazione si sia insediata il 24 giugno scorso con l’incubo del dissesto che pendeva (e ancora pende) come un’affilatissima spada di Damocle e che in questo arco di tempo si sia dovuto gestire anche l’affaire Vara, con tutto il carico di responsabilità che ne consegue, evidentemente è cosa che secondo il Consiglio non è rilevante.

Un fugace riferimento al pensionamento del Ragioniere Generale Ferdinando

Coglitore e poi si arriva al nervo scoperto, quando la Barrile dichiara che si è appreso “da notizie di stampa della possibile sostituzione del segretario generale Santi Alligo”.

Notizia questa, che senza bisogno della stampa circola nei corridoi di Palazzo Zanca da 30 secondi dopo l’elezione di Renato Accorinti, quando è iniziato il toto nomi per gli incarichi di competenza del neo sindaco. Ma tant’è.

“Insieme ai presidenti delle Commissioni -continua il presidente del Consiglio- abbiamo viva preoccupazione per la paventata prossima vacatio dei massimi vertici amministrativi del Comune. Nella fattispecie, con riferimento al segretario generale, ferme restando le prerogative del sindaco ed il rapporto fiduciario che deve necessariamente intercorrere fra il primo cittadino ed il segretario dell’ente, insieme ai presidenti delle Commissioni ritengo intempestivo e precipitoso procedere in questo preciso momento storico alla sostituzione del dottor Alligo.

L’attuale segretario generale, oltre alla grande professionalità dimostrata in più circostanze nel corso del suo mandato, rappresenta anche la memoria storica degli avvenimenti amministrativi dell’ente degli ultimi anni.

Nel corso della riunione è emersa anche -sottolinea Barrile- la necessità di evitare avvicendamenti al vertice dell’ente, in un momento in cui nel giro di brevissimo tempo le Commissioni e il Consiglio dovranno occuparsi di argomenti particolarmente complessi quali la trasformazione dell’ATM, la questione rifiuti, il Piano Regolatore, il Bilancio triennale 2013/2015, il Bilancio Consuntivo 2012 e il Preventivo 2013 e la riforma dei servizi sociali.

Pertanto richiedo al sindaco Renato Accorinti -conclude il presidente del Consiglio- un incontro urgente, con la partecipazione anche dei presidenti delle Commissioni, per discutere, nell’ottica di un’opportuna collaborazione e partecipazione di tutti i soggetti istituzionali, degli argomenti trattati”.

Insomma, un chiaro invito a lasciare tutto com’è. Se questo invito sottintenda anche il fatto che in Aula il sindaco può contare solo su 4 consiglieri su 40 non è dato saperlo. La risposta del sindaco Accorinti potrebbe arrivare a breve, con la nomina del nuovo segretario generale.