Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il consigliere Lo Presti chiede chiarezza sugli affitti del Comune

Nina Lo Presti, consigliere Cambiamo Messina dal basso

L’elenco completo di tutti i fitti passivi del Comune completi di contratti e scadenze, l’ultima relazione inerente la formulazione del piano degli investimenti e un quadro chiaro sulle procedure utilizzate per la scelta degli immobili, le eventuali  indagini di mercato volte a individuare la congruità del prezzo e i procedimenti di rinnovo dei contratti.

A chiedere queste informazioni al Dipartimento Patrimonio e all’Area Coordinamento Tributario è il consigliere di Cambiamo Messina dal Basso Nina Lo Presti.

“L’accentuarsi della crisi economica -puntualizza

l’esponente politica accorintiana- costringe il nostro Comune a mettere in campo strategie ed azioni finalizzate al contenimento della spesa pubblica in osservanza alla legge 135 del 2012, la cosiddetta spending review.

Ebbene -prosegue la Lo Presti- la spending review doveva essere finalizzata ad individuare sprechi ed inefficienze per “controllare la spesa pubblica come un giardiniere che taglia i rami secchi e cura quelli malati”, richiedendo sforzi continui agli amministratori e ai cittadini che subiscono questo regime economico attraverso l’aumento dei tributi e la diminuzione dei servizi”.

Secondo la Lo Presti, le informazioni da lei richieste “risultano funzionali all’apprendimento di eventuali irregolarità, anomalie o di atti contrari alla legge che potrebbero giustificare approfondite indagini”.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.