Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il Città di Messina aggiusta il tiro durante il recupero

Quarto risultato utile consecutivo Città di Messina in trasferta a Noto. Un preziosissimo punto guadagnato dai peloritani allo scadere di un match traboccante di gol da una parte e dall’altra.

Al “Palatucci” il tecnico Pasquale Rando si affida al rodato 4-3-3 e schiera tra i pali Di Salvi, in difesa Dombrovoschi, Cirilli, Cammaroto, Viscuso, in mezzo al campo Cucè, Avola, Assenzio, nel reparto più avanzato Citro, Saraniti e Tiscione.

Squalificato Munafò e per cautela a riposo Bongiovanni. Vantaggio della formazione ospite al 16’ su marcatura di Tiscione che raccoglie il lancio lungo di Dombrovoschi e centra con freddezza la porta.

Due minuti dopo corner dalla destra, stacco di testa di Trimarco e pareggio dei granata. Al 21’ il penalty assegnato dal direttore di gara Catona della sezione di Reggio Calabria in seguito al contatto tra Cucè e Pignatta e trasformato da Nigro ribalta momentaneamente il risultato a svantaggio dei giallorossi. 2-2 al 45’ della prima frazione di gioco, quando Tiscione dalla destra serve Saraniti.

Assist per Citro e sinistro al volo imparabile. Al 6’ della ripresa destro a giro su punizione di Conti all’incrocio dei pali. Terza rete dei padroni di casa e all’undici di Rando tocca rincorrere.

Nuovo assetto del reparto difensivo quando Giardina sostituisce Cammaroto. Il Noto intanto chiude gli spazi e i peloritani stentano ad avvicinarsi alla porta di Vezzani. Ci prova Tiscione prima al 25’ con una punizione respinta dall’estremo difensore granata, poi ancora al 28’ quando va giù a contatto con Pasqualicchio e viene ammonito per simulazione. Al 36’ è Dombrovoschi su assist di Citro a sciupare una limpida occasione da gol.

Il pareggio arriva al 46’. Poi ulteriori cinque minuti di recupero non bastano al Noto per ottenere tre punti che gli sarebbero stati senz’altro utili nella lotta salvezza. Situazione invariata pertanto in zona play-pff.

Domenica prossima al Celeste i peloritani ospiteranno l’Agropoli, quando la diretta avversaria Gelbison, reduce dal sofferto pareggio contro la capolista, sarà impegnata a tenere a bada i calabresi secondi in classifica.