Il capo di UNIFIL, l’agrigentino Portolano, riceve il presidente irlandese Higgins

Luciano Portolano  Michael Daniel Higgins
Il Generale di Divisone Luciano Portolano con il presidente irlandese Michael Daniel Higgins

Al confine tra Libano e Israele, teatro di guerre sanguinose, il generale Luciano Portolano, capo della missione UNIFIL, ha il difficile compito di far mantenere la pace.

Questa mattina, presso la base delle Nazioni Unite di At-Tiri in Libano, Portolano, nato ad Agrigento nel 1960,  capo della Missione e comandante della Forza ONU nel Libano meridionale, ha incontrato il presidente irlandese Michael Daniel Higgins, in visita ai militari irlandesi impiegati nell’ambito della missione UNIFIL. Ad accogliere il presidente anche il ministro della Difesa libanese Samir Moqbel.

L’impegno dell’Irlanda nel Pese dei Cedri, in termini di personale, ammonta a 195 caschi blu schierati nel settore ovest dell’area di operazione a guida italiana. Complessivamente UNIFIL, United Nations Interim Force in Lebanon è costituitta da oltre 10 mila militari, provenienti da 38 differenti stati, e da circa mille dipendenti

civili.

Generale_PortolanoDopo gli onori, nel corso di un colloquio ristretto, il generale Portolano si è soffermato sulla situazione regionale con particolare riferimento al vicino conflitto siriano i cui riflessi, diretti e indiretti, si ripercuotono fortemente sulla politica interna e di sicurezza nazionale del Paese. Nell’illustrare il complesso quadro operativo che caratterizza l’area di intervento di UNIFIL, e i risultati sinora conseguiti, il Generale ha inoltre sottolineato l’importanza di contribuire al rafforzamento dello Strategic Dialogue, meccanismo volto allo sviluppo delle capacità della Forze Armate Libanesi .

Parole di apprezzamento per l’operato svolto dagli oltre 10 mila peacekeepers sono state espresse da Higgins che ha assicurato il pieno supporto alla missione fino a quando la risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non troverà piena attuazione.

Al termine dell’incontro, il Presidente irlandese Higgins ha deposto una corona al monumento dei caduti di Tibnin in ricordo dei 47 militari irlanedesi che hanno perso la vita nell’adempimento del proprio dovere nel Libano del Sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *