Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il 17 ottobre si insedierà il Segretario generale del Comune

Il Segretario generale del Comune di Messina Antonio Le Donne

Il ministero dell’Interno ha ratificato l’idoneità e questa mattina il sindaco Renato Accorinti ha firmato il decreto definitivo di nomina del nuovo segretario generale del Comune di Messina.

La settimana prossima Antonio Le Donne sarà in città e il 17 ottobre si insedierà a Palazzo Zanca.

Nessun commento per il momento, ché Le Donne sembra avere estremamente chiara la differenza tra ruolo tecnico e ruolo politico.

E come già abbiamo scritto più volte, resta da vedere come si comporterà il Consiglio comunale, che nelle ultime settimane ha speso molto tempo e altrettante energie degne di ben altra causa per bloccare la nomina di Le Donne (che per diventare Segretario generale ha fatto il corso-concorso previsto dalla legge) tentando disperatamente di far confermare l’ex Segretario generale Santi Alligo, nominato dall’ex PDL ed ex AN e ora Nuova Alleanza Peppino Buzzanca.

Strana presa di posizione per un Consiglio comunale che vanta 29 consiglieri su 40 in quota al centrosinistra, ma difficilmente il comportamento dell’Aula stupisce chi la frequenta.

Le Donne proviene dal Comune di Macerata, città marchigiana dell’Italia centrale, dove ha ricoperto lo stesso incarico. Messinese, 52 anni, laurea con 110 e lode in Scienze Politiche nel 1984 e un curriculum vitae di 11 pagine, Le Donne si è perfezionato alla Bocconi di Milano in “Direzione dell’ente locale”, ha al proprio attivo numerose pubblicazioni. Docente e consulente per società di formazione di livello nazionale ed è iscritto all’albo di primo livello del Formez, l’Istituto nazionale per la formazione.

Vanta un’esperienza ultra ventennale sia come Segretario generale che come City manager. A

Macerata è arrivato a gennaio del 2012 da Lucca, dove ha ricoperto entrambi i ruoli.

Come si legge nel suo curriculum, Le Donne “è iscritto all’Albo dei Segretari comunali e provinciali con idoneità a Segretario generale di “fascia A”, per i Comuni con popolazione superiore a 65.000 abitanti e per le Province, avendo superato l’esame finale di abilitazione presso la SSPAL nazionale a Roma con la votazione di 30/30 con lode (1° classificato) il 19/05/2004.

La sottocommissione che ha effettuato l’esame, per rappresentare il proprio apprezzamento di fronte alla Commissione centrale, ha voluto porre a verbale la seguente nota, suggerendo l’attribuzione, in via eccezionale, della lode: “La commissione sente il dovere di segnalare l’eccellente preparazione del candidato, la sua ottima capacità di comunicazione e di sintesi e la forte attitudine a governare i processi di innovazione radicati su una solida base culturale-istituzionale”.

Iscritto all’Albo dei consulenti e docenti del FORMEZ e inquadrato al livello 1° (il più elevato) dal 5 dicembre 2003. Prima ancora era stato iscritto all’Albo dei Segretari comunali e provinciali con idoneità a Segretario generale di “fascia B” per i Comuni con popolazione superiore a 10.000 e fino a 65.000 abitanti avendo superato l’esame finale di abilitazione presso la SSPAL nazionale a Roma con la votazione di 30/30 (1° classificato) il 14/12/2000”.

Vincitore del concorso per Segretario comunale e provinciale bandito nel 1990, chiamato agli esami orali nel febbraio 1993 ed entrato in servizio il 1° aprile 1993, tra i tanti titoli Le Donne vanta anche quello di vincitore (1° classificato) di borsa di studio post-lauream di durata biennale per la specializzazione in studi parlamentari con superamento degli esami finali sostenuti presso la Camera dei Deputati, oltre ad avere al proprio attivo anche diverse decine di corsi di formazione professionale seguiti tra il 1993 e il 2008.