Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

I rumori molesti

Gentile avvocato Trimarchi, abito in al terzo piano d uno stabile di recente costruzione. Dal piano di sopra arrivano continuamente rumori che mi impediscono di riposare adeguatamente quando torno a casa dal lavoro, sia il pomeriggio sia la sera. Ho chiesto più volte ai proprietari dell’appartamento di evitare i rumori molesti soprattutto nelle ore pomeridiane e serali, ma non ho ottenuto alcun risultato. Posso tutelare il mio diritto attraverso le vie legali? Giuseppina F.

Gentile signora Giuseppina, l’art. 844 cod. civ. stabilisce che il proprietario può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dalla proprietà del vicino, se queste superano la normale tollerabilità.
La norma (nata per tutelare la proprietà fondiaria) trova applicazione anche nei rapporti tra comproprietari di un edificio in condominio ed è diretta ad equilibrare i rapporti tra il proprietario che produce

le immissioni (per ragioni legate all’esercizio di un’attività economica o al semplice godimento della sua proprietà) ed il proprietario confinante che subisce passivamente tali immissioni.
E’ importante notare che la valutazione circa la tollerabilità delle immissioni è legata anche alla condizione dei luoghi: non è quindi possibile indicare con assoluta precisione una soglia oltre la quale l’immissione è da considerarsi illecita, ma la relativa valutazione è demandata al giudice che dovrà valutare caso per caso, tenendo conto delle caratteristiche di ogni specifica situazione. 
In ogni caso, l’aumento di oltre tre decibel del rumore di fondo proveniente da un immobile, rende l’immissione intollerabile. 
Si può certamente adire l’autorità giudiziaria, anche in via d’urgenza, per far sì che le immissioni rumorose cessino. Il giudice. dopo aver valutato la situazione anche con l’ausilio di un consulente tecnico d’ufficio, adotterà gli opportuni provvedimenti che, in caso di mancata osservanza da parte di chi è condannato a fare cessare le immissioni, potranno essere oggetto di esecuzione forzata.