Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

I nuovi appuntamenti della Festa degli Alberi

Le iniziative programmate nell’ambito della “Festa degli Alberi”, la manifestazione dedicata al verde urbano e organizzata dal Comune in collaborazione con la Forestale, Associazioni ed Enti, la delegazione di Messina del FAI, Fondo Ambiente Italia, proseguono domani alle ore 9.30 alla libreria Ciofalo con “Mettiamo Radici in Libreria”, letture e giochi per sensibilizzare i bambini sull’importanza del verde cittadino con le classi 2A e 2B della scuola San Francesco di Paola.

Alle 10, alla scuola media “Enzo Drago”, si terrà “Festa dell’Albero a scuola”, un incontro con studenti e docenti, cui seguirà la piantumazione di due alberi e di una pianta officinale, proposto da ARPA e AISN e Legambiente dei Peloritani.

Sempre alle 10 alla libreria Feltrinelli si terrà la presentazione del libro “Scilla e Cariddi” di Valeria Alessi e Giuseppe Lisciotto, con animazione per bambini, mentre alle 11

è prevista la “Festa dell’Albero a scuola” della direzione didattica di Santa Margherita a Santo Stefano Medio, una giornata dedicata alla messa a dimora di nuovi alberi e al rispetto della natura proposta dall’Associazione educazione ambientale (CEA) Messina Onlus, Ambiente e/è Vita e Lions Club Messina Tyrehenum.

Alle 16.30 a piazza Cairoli ci sarà “L’albero dei desideri”, un gazebo informativo della forestale a cura di Circobaleno. Venerdì 22 alle 9.30 alla libreria Ciofalo le classi 4C, 5A e 5B della scuola Boer parteciperanno all’iniziativa “Mettiamo Radici in Libreria”, letture e giochi per bambini sul verde cittadino. Alle 16, ma a Caltagirone in via Santa Maria di Gesù si svolgerà l’evento “la Macchia Mediterranea: un Paesaggio Naturale da valorizzare e proteggere”, gemellaggio in occasione della Settimana Unesco DESS con Ramarro Sicilia.

Il programma prevede inoltre un concorso fotografico curato dall’artista e fotografo Antonio Giocondo. Gli interessati potranno inviare almeno tre foto al fotoconcorsoalbero@libero.it e le più significative saranno stampate per allestire una mostra.