Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

I guardiani della galassia

guardiansofthegalaxyI guardiani della galassia

Paese: U.S.A.

Genere: Fantascienza

Durata: 121 minuti

Regia: James Gunn

Poco più di un anno dopo la prima presentazione con i suoi accattivanti trailers esce finalmente sugli schermi “I guardiani della galassia”, tratto da un fumetto Marvel dei tardi anni Sessanta.

Un bambino di nome Peter Quill ha appena perso la madre, deceduta da pochi minuti in ospedale, quando è rapito da una misteriosa astronave. Cinque lustri dopo, Peter Quill, che ora ama farsi chiamare con l’altisonante nome da battaglia di Starlord, è diventato una scanzonata e irrispettosa canaglia che scorrazza per la galassia insieme ai mercenari che lo rapirono tanti anni prima.

Avendo litigato con Yondu, il capo della sua banda mercenaria, Peter deve fuggire e si ritrova invischiato in qualcosa più grande di lui. Peripezie varie lo obbligano a collaborare con un eterogeneo quanto esplosivo gruppo di compagni: un’assassina professionista, un infido procione con decine di precedenti per furto, una pianta antropomorfa che sa dire solo “io sono Groot” e un ferocissimo guerriero che non comprende le metafore…

Un buon fanta B-movie in salsa retrò, ironico e divertente, che zoppica qua e là ma che arriva al traguardo. Questa la sensazione che se ne ha uscendo dalla sala. Il filo narrativo, specie all’inizio è tirato troppo in fretta. Troppi eventi si succedono senza dare tempo allo spettatore di ambientarsi e di conseguenza non si avverte la nascita di quella particolare alchimia che fa accettare le vicende narrate come verosimili.

C’è anche qualche imperfezione registica nelle scene d’azione, ma che potrebbe anche essere riconducibile alla non perfetta tecnologia 3D. Per fortuna la caratterizzazione e l’interpretazione degli attori è centrata più che bene ed è sufficiente la loro presenza sullo schermo a far dimenticare questi punti deboli.

Dialoghi quasi chandleriani tengono alto il livello dell’ironia e del divertimento, tanto alto che a volte si avverte un po’ di contrasto con i toni epici che una storia del genere deve avere. Soprattutto quest’ultimo punto è importante considerate le voci che circolano riguardo ad un possibile team up con un altro cast di eroi Marvel, quello degli Avengers, dove il rapporto tra ironia e tensione narrativa è molto più bilanciato. Consigliato davvero a tutti.

 

Paolo Failla

Sano di mente nonostante un'infanzia con classici Disney e cartoni animati giapponesi, il battesimo del fuoco arriva con i film di Bud Spencer e Terence Hill, le cui opere sono tutt'ora alla base della sua visione sull'ordine del cosmo. Durante l'adolescenza conosce le opere di Coppola, i due Scott, Scorsese, Cameron, Zemeckis, De Palma, Fellini, Monicelli, Avati, Steno e altri ancora. Su tutti Lucas e Spielberg . Si vocifera che sia in grado di parlare di qualsiasi argomento esprimendosi solo con citazioni varie. Ha conosciuto le vie della Forza con una maratona di Star Wars di oltre 13 ore.