Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

I Forconi alzano di nuovo la voce, bloccata la A19

Il leader dei Forconi Mariano Ferro

Ieri mattina Mariano Ferro, il leader dei Forconi siciliani, lo aveva annunciato anche via Twitter scrivendo “Sulla A19 in attesa dei deputati dell’Assemblea regionale siciliana che ascoltino i problemi reali della gente”.

Così i Forconi sono tornati in strada, presidiando il casello autostradale di San Gregorio a Catania con un protesta simbolica: 90 sedie in attesa che i deputati dell’Ars ascoltino i problemi della gente. “Ci attendiamo che vengano ad ascoltarci, così vedremo chi danneggia realmente la Sicilia” ha spiegato Ferro.

A distanza di un anno dalle proteste del gennaio 2012 che avevano isolato la Sicilia per giorni, i Forconi tornano a fare sentire la loro voce senza il completo blocco del traffico, ma provocando rallentamenti.

La protesta non si è fermata a Catania ma si estesa anche a Caltanissetta, Scicli, Villafranca e presto a Villabate. “I blocchi -ha evidenziato Ferro- ci sono stati vietati dalle Questure e dalle Prefetture e ci hanno ripetuto che nel 2012 abbiamo, noi, aggravato la crisi. Ma i suicidi, le chiusure delle imprese, i pignoramenti dei macchinari

e delle aziende, hanno ben altra ragione”.

Al momento i Forconi rispettano l’accordo di non bloccare il traffico ma annunciano che la sospensione della protesta è ‘a scadenza’. “Nessuno può girarsi dall’altra parte dicendo che noi facciamo male e basta -aggiunge Ferro. Non siamo guerrafondai, vorremmo che qualcuno desse risposte”. Tra le risposte cui fa riferimento il leader dei Forconi, le questioni collegate al lavoro, i costi della benzina e l’abolizione del pedaggio per oltrepassare lo Stretto di Messina.

Per il momento insomma solo una protesta pacifica ma se le risposte tardassero ad arrivare i Forconi sono pronti a mettere in piedi una nuova protesta dura, i Prefetti sarebbero già stati allertati.

Nel pomeriggio i rappresentanti del movimento sono stati raggiunti Da Toti Lombardo, deputato regionale del Partito dei Siciliani-Mpa e figlio dell’ex presidente della regione. “Chiederemo al presidente della commissione Attività produttive all’Ars Bruno Marziano – ha annunciato il neo parlamentare-che la Commissione convochi una seduta nei prossimi giorni, a brevissima scadenza, proprio a San Gregorio per ascoltare le istanze delle categorie produttive. Lo stato di crisi che sta investendo la Sicilia in tutti i suoi settori produttivi presuppone una azione immediata con strumenti legislativi rapidi quali agevolazioni fiscali e sostegno agli investimenti”.

Valentina Guerrera

Siciliana trapiantata a Roma da un po’ di anni. Si occupa di comunicazione, in particolare ufficio stampa e digital pr, in ambito istituzionale e politico. La passione per la sua terra e per il buon cibo l'ha portata a creare, in società, "Agromobile - La mappa del gusto", un portale per scoprire la Sicilia attraverso le sue eccellenze agroalimentari ed enogastronomiche. Divoratrice di libri, instancabile praticante di yoga e viaggiatrice quanto più possibile. Per Sicilians segue da Roma i politici locali.