Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

I Fondi Ecopass per la via Santa Marta, interrogazione di Guerrera

Utilizzare i Fondi Ecopass per sistemare il manto stradale della via Santa Marta. A chiederlo è il consigliere UDC Domenico Guerrera, che in un’interrogazione inviata al commissario del Comune di Messina Luigi Croce ed ai dirigenti competenti, traccia un quadro decisamente sconfortante sull’aspetto della città.

L’aspetto della città è da the day after di una calamità naturale -scrive Guerrera- con alberi di robinia di cui è rimasto solo una parte di tronco e, quelli ancora con la chioma rappresentano un elevato rischio sia per i passanti, che per le autovetture, che sono parcheggiate sotto gli alberi, da cui ad ogni soffio di vento cadono parti di fronda, aiuole abbandonate infestate di erbacce invasive e panchine divelte. A rendere ancora più sgradevole l’aspetto della città ha contribuito anche il punteruolo rosso, parassita che ha distrutto centinaia di palme e che non si riesce a debellare”.

Passaggio quest’ultimo sul quale è necessario fare una precisazione visto che il nostro Gianrico Battaglia ha immortalato le palme malate e ancora piene del pericolo parassita trasportate in giro per la città su un mezzo scoperto. Così le palme non ancora malate hanno avuto un’ottima occasione per essere attaccate dal punteruolo rosso.

Tornando all’interrogazione di Guerrera, il consigliere UDC sottolinea che “per dare un aspetto decoroso al verde cittadino servono delle risorse economiche elevate, considerando che negli ultimi anni si è intervenuti male e con tempistiche sbagliate rispetto al ciclo vegetativo delle piante, ma

esistono degli interventi che devono essere eseguiti con la massima urgenza a tutela della pubblica incolumità. Il riferimento è alle carreggiate stradali della città, che sono ridotte malissimo, con fossati che nemmeno i SUV riescono a scavalcare e che rappresentano un alto rischio per gli automobilisti e, in modo particolare, per i mezzi a due ruote”.

Domenico Guerrera, presidente II Commissione

Un esempio tra tutti è quello del tratto della via S. Marta sotto il ponte delle Ferrovie. Una strada ad alta densità, visto che è un percorso obbligato per gli abitanti dei quartieri di Camaro, Bisconte e Catarratti, che si muovono verso il centro della città. Guerrera segnala che da parecchie settimane nella corsia che va da monte a mare si sono staccate grosse porzioni di asfalto, sistemati ai lati della carreggiata.

Il tratto è quasi impraticabile e per evitare il fosso che si è creato gli automobilisti sono costretti ad invadere l’altra corsia con conseguenze prevedibili per la fluidità della viabilità, con una carreggiata molto stretta e priva di marciapiede.

“Considerando la pericolosità della carreggiata stradale che potrebbe essere causa di incidenti mortali -scrive ancora il consigliere UDC- o comunque creare dei contenziosi tra l’Amministrazione Comunale ed i cittadini per possibili richieste di risarcimento, ritengo indispensabile che con le risorse economiche provenienti dall’Ecopass si provveda all’intervento di consolidamento della carreggiata stradale e la bitumatura di tutta l’importante arteria cittadina”.

Per il consigliere comunale è necessario anche effettuare uno screening di tutte le strade che hanno bisogno di urgente manutenzione e  stilare un cronoprogramma degli interventi.