Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

I diritti di chi lavora di domenica

Gentile Avvocato, sono dipendente di un negozio di elettrodomestici e lavoro anche la domenica. Per il lavoro domenicale mi sono riconosciuti una maggiorazione sulla retribuzione ed una giornata di riposo compensativo da godere in un giorno normalmente lavorativo. Mi chiedo se il comportamento dell’azienda è legittimo. Grazie, Simona A. 

Gentile Sig.ra Simona, mi preme rassicurarLa che l’azienda presso la quale Lei presta servizio sta agendo in maniera assolutamente corretta. Premetto brevemente che, nell’ambito dell’organizzazione dell’orario di lavoro, vige l’obbligo di osservare il riposo settimanale. L’art. 9 del D.Lgs. 66/2003 stabilisce che il lavoratore ha diritto ogni 7 giorni ad un riposo di almeno 24

ore consecutive, di regola coincidenti con la domenica, da cumulare con le ore di riposo giornaliero.

Come espressamente previsto dall’art. 36, comma 2 della Costituzione, il diritto al riposo settimanale è irrinunciabile: da ciò discende che un’ eventuale pattuizione contraria di un contratto collettivo o di un contratto individuale sarebbe assolutamente nulla. Tuttavia, il sopra citato decreto prevede una serie di deroghe sia alla regola della coincidenza con la domenica sia a quella del riposo ogni sette giorni.

Pertanto, in tutti i casi in cui, in virtù di tali deroghe sia richiesto di espletare attività lavorativa durante la domenica, al lavoratore spetterà (questo è il Suo caso), oltre alla paga normale per la giornata lavorativa, anche una maggiorazione ed una giornata di riposo compensativo.