Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Gela. Gli imprenditori si ribellano alla Mafia, arrestate 21 persone

Polizia gela

Duro colpo alla Mafia a Gela, con l’operazione Redivivi la Polizia ha eseguito 21 ordinanze di custodia cautelare, di cui 17 in carcere e 4 agli arresti domiciliari. Gli arrestati, appartenenti ai gruppi Rinzivillo ed Emmanuello affiliati a Cosa Nostra, sono indagati, a vario titolo, per i reati di associazione di tipo mafioso, aggravata dall’essere armata, finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti ed alle estorsioni.

Il gruppo criminale, oltre alle estorsioni, aveva messo in piedi un traffico di stupefacenti talmente redditizio che riusciva a sostenere l’intera cosca, forte anche dell’alleanza con membri della Stidda ragusana.

Sono stati scoperti i vertici dell’organizzazione ed è stato arrestato il reggente della famiglia di Gela. “Le indagini  – spiegano dalla Questura di Caltanissetta – sono iniziate sulla base delle dichiarazioni di alcuni imprenditori gelesi che, nel 2014, hanno deciso di ribellarsi e a collaborare con gli investigatori grazie anche al supporto dell’associazione antiracket di Gela.

Le vittime erano stanche di subire minacce e intimidazioni da parte dei membri del clan che volevano estrometterli dal mercato del recupero di materiali plastici e ferrosi nelle serre   delle campagne del comprensorio di Gela, nelle quali il clan avrebbe anche imposto il servizio retribuito della guardiania.

“Prezioso il contributo dell’Associazione Antiracket di Gela e del suo presidente Renzo Caponnetti che è riuscito ad infondere negli imprenditori il coraggio di denunciare e la fiducia nelle Istituzioni e a cui va il personale ringraziamento del questore Bruno Megale” – aggiungono dalla Questura.

 Nel corso del blitz sono state effettuate perquisizioni che hanno dato esito positivo. A uno degli arrestati sono stati sequestrati 15 mila euro in contanti, ritenuti provento dello spaccio di sostanze stupefacenti; inoltre allo stesso sono state ritirate delle armi regolarmente detenute: tre pistole e 100 cartucce, nonché un fucile a pompa con 25 cartucce.