Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Formale richiesta della FP Cgil degli atti di MessinAmbiente

Clara Crocè, segretario generale FP Cgil di Messina

Giovedì l’annuncio di aver dato mandato ai propri legali di presentare una denuncia contro i vertici della società Messinambiente per comportamento anti sindacale, ieri la presentazione di una richiesta formale di accesso agli atti. La FP Cgil di Messina punta il dito contro la gestione del personale di MessinAmbiente e chiede trasparenza

“Nei giorni in cui in città imperversa il dibattito sulla gestione dei servizi e sull’inefficienze del sistema -spiega Clara Crocè, segretario generale della Funzione pubblica della Cgil- vorrei chiarire che molte delle lacune del sistema non dipendono da mancanze o inefficienze dei lavoratori, bensì da una pessima organizzazione del lavoro.

Il disastro che si vede in giro -spiega la dirigente sindacale- non è una colpa ascrivibile al personale, ma a chi negli anni ha gestito la società, compresi gli attuali vertici. Dispiace molto constatare che ancora nessuno di coloro che ha occupato i piani alti dell’azienda abbia risposto dei danni causati ai dipendenti e ai cittadini”.

In particolare, la Fp Cgil di Messina accende i riflettori sui problemi connessi alla programmazione dei turni di lavoro, sottolineando come alla MessinAmbiente “la cosa che riesce meglio sono i continui ed immotivati trasferimenti e passaggi di livello ad personam. Non intendiamo apprendere più dall’esterno notizie che invece dovrebbero essere frutto di una precisa e scrupolosa attività di concertazione. In troppe occasioni -conclude la Crocè- la società ha mostrato di adottare dei provvedimenti in modo unilaterale, violando le basilari regole delle relazione sindacali e dimenticando, forse, che gli istituti contrattuali devono essere rispettati. Lo abbiamo detto più volte ma le nostre richieste sono spesso rimaste inascoltate. A questo punto non ci resta che passare ai fatti, il primo dei quali è, appunto, la decisione di ricorrere alle vie legali”.