Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Fellini, Fitzgerald e tequila bum bum

Simona Piraino

Secondo Ravy Truchot, Ceo di Blackdivine e proprietaria del sito gleeden.com (incontri extraconiugali), “Il mercato dell’infedeltà è in continua crescita. Stimiamo un incremento annuo pari al 40-50%. L’Italia è un mercato importantissimo per noi (è il secondo dopo la Francia per numero di iscritti e tasso di crescita).

Signore e signori rassegnatevi dunque, il trend delle corna è positivo e gode di ottimi auspici. Su Millionaire di qualche mese addietro, leggo l’identikit del fedifrago italiano: residente al nord, livello socio-economico medio alto, età compresa tra i trentacinque e i quarantacinque anni. Soprattutto: uomo nel 70% dei casi.

Lo so, signore che sorridete sornione, non ci voleva mica Kotler a rivelarci ciò che abbiamo sempre saputo (e subito, in alcuni casi). Quello che però viene tralasciato dall’analisi suindicata è che, troppo spesso, l’uomo tradisce in modalità amarcord.

Non me ne faccio una ragione: se una storia è finita vuol dire che c’erano dei conflitti insanabili. Se, magari, lui si è sposato e non vi rivolgete il saluto dagli anni in cui si usavano le spalline, vorrà dire che avete preso strade differenti e non ve ne frega una benemerita l’uno dell’altra.

Allora, qual è la sostanza psicotropa che spinge il marito di un’altra a contattarvi dopo anni luce e chiedervi insistentemente di raggiungerlo?

Tutto questo senza nemmeno cambiare la sua deliziosa pic del profilo (sì, ci colpano sempre i social) in cui un tramonto magenta fa da sfondo a un romantico bacio.

No, non sono solidale con tutte le donne. Non sono femminista tout court. In questi casi, tuttavia, anche la donna chaise longue che è in me mi allerta con un “cui prodest”? Pertanto, preferisco interrompere le conversazioni e gli eventuali sviluppi (anche se a malincuore, lo ammetto) e lasciare che il montone smarrito torni al suo gregge (ché di pecore si tratta).

A onor del vero, devo anche confessare che tutti gli uomini amarcord da cui ho ricevuto avances vantavano un tasso alcolico da imminente trapianto epatico. Già, fa piacere sapere che sono nei pensieri di uno ciucco come un alpino: la mia autostima ne trae davvero beneficio.

Archivio così, anche tutti gli amarcord (e gli alcolisti, ovvio) però, prima di acquistare un etilometro per testare il prossimo seduttore, maledico Il Grande Gatsby. Vero che anche l’immenso Fitzegerald faceva sentenziare a Nick Carraway “Non si può ripetere il passato”.

Ma è anche vero che il grande Jay Gatsby rispondeva “Non si può ripetere il passato? Ma certo che si può”. Uomini amarcord, avrete anche letto questo passaggio. Sono certa, comunque, che non siete arrivati a finire il libro.