Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Ente Fiera, i dipendenti si autoconvocano a Palermo

I lavoratori dell'Ente Fiera a Palermo

La richiesta di incontro urgente del 2 maggio scorso trasmessa al presidente della Regione Sicilia, al prefetto di Messina, all’assessore Regionale alle Attività Produttive, al presidente dell’ARS e all’assessore Regionale all’Economia è rimasta senza risposta.

E così oggi i dipendenti dell’Ente Fiera di Messina, da oltre un anno senza stipendio, si sono autoconvocati presso la sede dell’assessorato alle Attività Produttive per rivendicare ed ottenere non solo garanzie ben precise per la salvaguardia dell’occupazione ma anche rispetto al pagamento degli arretrati.

L’assessore Linda Vancheri non c’era, ma ha comunque convocato un incontro per i dipendenti ed i sindacati per

mercoledì prossimo.

Intanto le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, UilTucs Uil e Ugl hanno inviato ancora una volta al presidente della V Commissione Parlamentare Lavoro, il messinese Marcello Greco, una richiesta di convocazione per l’apertura di un tavolo tecnico che individui in tempi brevi una soluzione concreta per tutelare i posti di lavoro, così come è stato fatto per il personale della Fiera di Palermo.

“La situazione è diventata intollerabile -dichiarano i dipendenti. Sia economicamente (non prendiamo lo stipendio da mese  marzo 2012) che psicologicamente per le mancate risposte sul nostro futuro occupazionale.

Se non otterremo in tempi brevissimi soluzioni concrete, ci rivolgeremo direttamente al Commissario dello Stato affinché quest’ultimo valuti la evidente disparità di trattamento economico e giuridico riservata ai dipendenti della Fiera di Messina rispetto ai dipendenti della Fiera di Palermo”.