Enna, la Guardia di Finanza sequestra oltre 2 milioni di filtri e cartine per sigarette: multe da 5 a 10.000 euro

ENNA. Maxi sequestro di prodotti accessori da fumo. E’ il risultato di una serie di servizi di controllo economico del territorio eseguiti dai Finanzieri del Comando Provinciale di Enna, a contrasto del fenomeno dell’abusivismo commerciale, del contrabbando ed a tutela della sicurezza dei prodotti, presso i rionali cittadini e gli esercizi commerciali della provincia. I prodotti da fumo erano posti in vendita da operatori economici non autorizzati dislocati nei Comuni di Enna, Piazza Armerina, Catenanuova e Nissoria a un prezzo inferiore rispetto a quello normalmente praticato dai tabaccai, con evidente distorsione del mercato legale. Gli approfondimenti investigativi, condotti anche attraverso appostamenti e pedinamenti, hanno consentito altresì di individuare l’illecita filiera di approvvigionamento degli articoli posti in vendita.

Le ispezioni eseguite dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Enna hanno così permesso di sottoporre a sequestro oltre 2 milioni di filtri e cartine per sigarette, dal peso complessivo di 100 kg, posti in vendita da soggetti non autorizzati e per i quali non era stato

effettuato alcun pagamento della relativa imposta di consumo. Infatti, dal 1° gennaio 2020 è stata introdotta un’imposta di consumo sui prodotti accessori ai tabacchi da fumo (cartine, cartine arrotolate senza tabacco e filtri utilizzati per arrotolare sigarette), consentendone la commercializzazione solo alle rivendite autorizzate in possesso della licenza rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e Monopoli.

A tale riguardo, i militari oltre al sequestro della merce hanno contestato a ciascuno dei sette titolari dell’attività di vendita non autorizzata, la sanzione amministrativa del pagamento di una somma che va da 5 a 10mila euro. Gli stessi sono stati, inoltre, segnalati all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per l’eventuale applicazione della sanzione accessoria della chiusura temporanea dell’esercizio commerciale. La specifica attività di servizio, nel contesto delle linee strategiche del Corpo, rientra non solo tra le azioni di prevenzione e contrasto agli illeciti nel settore delle accise e delle imposte di consumo, ma anche tra quelle finalizzate a tutelare la sicurezza dei consumatori e a preservare la correttezza del mercato in cui operano i rivenditori autorizzati, che assolvono regolarmente le imposte previste per questo genere di prodotti.